.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

26 settembre 2015

Emisfero di passioni è la ragazza mia

           

Emisfero di passioni è la ragazza mia

ed ogni quesito d'universo spento

ripudia dolor nell'estroso passo,

talora guarda al dipinto plurale

dell'erba e del soffice manto

austero nel canto cadenzato

e raddrizza l'inverso fragoroso

della vista quando, miserrimi,

celebrammo la ventura dell'oscuro.

Talora lei simpatica,

quando le fisso le mani

abbassa il viso

ed è come voragine il

mio core,

come tempesta il mio sentire,

tutto trasmuta in trascendente

e non v'è figlio di Cristo

che non senta il pullular

di una scolastica passione,

il vincolo sovruman

della femminea intenzione.

Allor si chiede all'ombra

ristorato

un corpo innamorato e tutto

perso

se da un solo cenno

si può carpire il color

dell'immenso,

le fugaci vie mancine,

i dardi e le stelle

che in gomitoli di costellazione

fanno l'eco

al grappolo vistoso della sua

silente immaginazione,

del suo sorriso.

Sembra che la temperanza

vinca la empedoclea

confusione,

la scissione dell'armonia

tutta in faville

quando per la tensione

si respira guerra

che dir 'sì santa

è offesa all'anima

creatrice.

E lei, perciò,

è l'unica salvezza,

o genti mortal

gettate al vento il mantello,

ficcate nella rimembrosa roccia

l'acuminato stendardo,

lanciate l'elmo,

che 'sì tosta virtù

mai per disdegno

ha carpito il senso mio.

Come il pittor

talvolta naufrago

rimugina sull'algoritmo

fitto

del Fato

per trovar la giusta quadratura

al cerchio,

tal io son rimembrano e contemplando

la sua gioia diurna

e furente nella notte

quando l'occhio dilata il suo vettore

e tenue come foco rissoso

sfavilla il suo pudore,

splendore!

Non negate spiriti

a cotal figliuola

che tanto ha sofferto

e tanto amato

la grazia dell'immenso.

E tieni conto

o Misericordioso Lume

che pur se lei ha negato

il tuo dominio

l'occhio ruggente e celeste

suo

a te ha condotto

me e gli altri innamorati

profughi nel vuoto

infinito dell'immenso.

Non sperderti dunque,

o mia canzone,

ma per li cortili e i vicoli,

le reti ingorde

e le prolisse rive

spargi il suo nome

e per desio

cedile il posto

nel più melodioso cerchio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. emisfero passioni ragazza mia empedocle empedoclea furore eroico quesito universo spento muto apparire celere apparir ripudio estroso passo dipinto plurale manto soffice austero canto cadenzato verso tre piedi stanza stanze inverso fragoroso rizzato luna chiarore miserrimi ventura oscuro voragine cuore core tempesta sentire trasmuta trascendente scolastica passione vincolo sovrumano sovruman silenzio femminea femmineo intenzione intenzion divina ombra all’ombra ristorato corpo alma anima spirito fugace perso tutto perso cenno carpire assoluto immenso fugaci vie mancine dardi stelle gomitoli costellazioni eco grappolo vistoso immago immaginazione temperanza confusione scissione armonia faville anima creatrice anima creatrice alma creatrice genti mortal genti mortali gettate al vento vento mantello rimembrosa roccia incudine martello arma tesa acuminato stendardo pittore algoritmo inverso risultato paradiso canto citazione citatio inverso fato quadratura cerchio achille futurismo pastarelle rote ruote valvole trascendenti gioia diurna furente notte foco rissoso fuoco occhio dilata rimurginare cotal cotale figliola lume misericordia misericordioso lume ateismo convesso dominio divino unico trino gioia immenso celestiale cerchio canto sonoro musichevole melodioso più melodioso cerchio stelle profughi del vuoto voto profugo profeta poeta canzone cortili vichi viali stradicciole sparso nome stupendevole spargi il suo nome offesa all’anima creatrice cedile posto desio disio per desio desio misericordioso

permalink | inviato da Dichter il 26/9/2015 alle 16:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 agosto 2015

L'imperatrice

           

Plasma un destriero indomito
da auriga folle,
da corsaro suadente
di flutti scossi
dalle redini turbate

Gli occhi speculari
di metilene
nella mente di siriaci
dalle grazie celtiche
prostrate al vento
e in panistica unità
con la natura

In selve distorte
tra laghi di immane
gaudio
riposa il tuo velo sospeso:
eternità di roccia
silicio effimero
ma possente

Nella radura la tua gemma
al collo
verde d'assenzio
e variopinta di smeraldi
come calice goduto
come piattaforma di pensiero
fugace

I Fenici
scaltri
tra le rovine di Tebe
e tu in trono
nel firmamento austero
di sogni diurni
di paste statiche
e leziose
come miele,
dolce fiele
negli assedi,
ventura dei portenti,
gioia dei nemici,
emblema della celere
battaglia

In un dissipare di luci
e in un sormontante anelito
dimesso
da soave spuma marina
o da effige divina
numismatica
sorta
trapassata
come liquame
anzi vapore
tra le pareti
umido delle scale
odore incantevole della pioggia

I templi
eretti per te
mistero delle immagini
infinite
di un così vasto ardore
che invade gli animi

Lo spirito
che giace sovrano
sul tuo corpo
carezza le spalle
inumidisce i capelli
dà madore alla pelle

Tu
incauta folla di stupore
ondaccolo della luce
intorpidito bastione
di stratagemmi bellici

Per te le forze cosmiche
lottano
e ai tuoi piedi
l'ultimo anelito cedono

Tu sola collo sguardo
incanti i viaggiatori stanchi
dall'assedio pittoresco

Immergi dentro te
e esponi declinando
con tre parole
l'umanità intera

Dialettica degli opposti,
punto d'armonia assoluta,
il verbo si arresta
dinanzi al tuo apparire

Ma non vive
il tuo respiro
tra spasimi incessanti
di una vittoria
delle foglie incaute
sulle piante

La clorofilla di te
ti dà la forza
di anguste intromissioni
tra quel che è vero
e quello ormai silente

Genesi effimera del volto
lo sguardo intermittente
di te stessa
rivolto verso candidi pensieri
e impure come ieri
le giornate

Bisognerebbe avere la passione
di dire cose da
bestiole che
in te trovano riposo
in te trovano ristoro
nel muover delle mani si stupiscono
ed estroverse si smarriscono

Per conquistarti un soldato
avrebbe invaso
l'Egitto in un attimo svogliato
crollando Alessandria ai suoi piedi
in vana voglia
coi libri intrepidi tra le rive
auguste di potenza
del Nilo trasmigrato in Stige nubiloso

Ma poi il combattente
slegando i lacci del mantello
perdendo la croce e il suo cappello
distrutto ai tuoi piedi
pel rifiuto

L'imperatrice sei tu
io te lo sussurro
sfogliando il volume
sul Volturno
in una piazza incauta del mistero
che la costellazione col tuo nome
cede a Mercurio

E per conquistarti
un alchimista dorato
si è venduto
l'alambicco ed il suo stato
sguazzando nel protocollo di Bisanzio
e giocandosi i tarocchi senza sosta
e senza la tua effige

Sei tu l'Imperatrice
di quelle terre indoeuropee
della tundra sterminata
della scalata verso
il Mare Nostrum

La mappa mostra il tabernacolo
l'alchimista la sfoglia e non ti trova
ti perde nella pietra mistica
nella battaglia di Lepanto

Dov'è il tuo trono e la corona
se s'inchinano i condottieri e i maghi
non senti nelle vene il marchingegno
divino

E capisci ciò che forse non hai letto
e sospendi ciò che forse
non ti sei chiesta
nove gradi nel pianeta ascendente
sul tuo Liocorno


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Plasmare plasmare il divino occhi divini destriero indomito auriga folle platonico dissenso corsaro suadente redini turbate prosa lirica occhi speculari occhi di metilene frammento etereo cobalto cuore siriaci scaltri rovine di tebe battaglia di lepanto grazia celtica siriaci celti panistica unità panismo natura somma selve distorte laghi di gaudio immane gaudio velo sospeso imperatrice tarocchi assonanza mistica eternità di roccia roccia eterna silicio effimero silicio possente spiagge perdute strade perdute lacustre ingegno volume volturno gemma al collo assenzio possente assenzio smeraldi variopinta agghindata di sole pallida luna sentimento eterno calice goduto giovanni di rubba calice infinito viola del pensiero smalto lilla fenici scaltri firmamento austero sogni diurni paste statiche comincia l’infinito miele lezioso dolce fiele fiele ventura dei portenti emblema celere battaglia luci dissipate dissipare di luci anelito dimesso anelito del mare riattraversare il mare soave spuma marina spuma marina numismatica numismatica trasparenza effige divina effige numismatica liquame vapore umido delle scale odore della pioggia incanto odore incantevole della pioggia templi eretti mater magister magus mistero immagini immagini infinite spirito sovrano spirito giace sovrano logos stanziale logos carezza pelle madore carezza spalle inumidisce capelli brigith brigit brigida incauta folla incauta folla di stupore ondaccolo della luce ondaccolo respiro assente ondaccolo dei vini bastione bastione intorpidito stratagemmi bellici forze cosmiche ai piedi del divino l’ultimo anelito cedere viaggiatori stanchi cavaliere errante assedio pittoresco tre parole unità intera umanità intera essere l’essente in sé vissuto dialettica degli opposti dialettica etimologica punto d’armonia punto d’assoluto punto d’armonia assoluto verbo apparenza verbo si arresta in manifestazione verbo si arresta innanzi il tuo apparire furiosa estasi del ricordo sezione aurea centro scindibile spasimi incessanti clorofilla nelle vene foglie incaute anguste intromissioni tra vero e silente genesi effimera genesi del volto sguardo intermittente 4 settembre candidi pensieri impuri ossimorica dialettica dialettica scarna sublimata muovere le mani estroverse smarrite questioni dialettiche nilo trasmigrare stige nubiloso nubiloso stige acheronte lacci del mantello alambicco stato chimico status piazza incauta incauto mistero piazza incauta del mistero costellazione col tuo nome mercurio hermes ermes cassiopea protocollo di bisanzio terre indoeuropee tabernacolo tabernacolo mondo cartina tundra sterminata mare nostrum mar baltico achille pelide beowulf pietra mistica condottieri maghi marchingegno divino timido bardo annova nove gradi pianeta ascendente liocorno sospiro assoluto sospiro d’assoluto punto indivisibile eterno assoluto mutevolezza dialettica respiro soffice fedeli d’amore stasi mistica contemplazione amplettica amplettica divino delle cose divino nelle cose trinità duale

permalink | inviato da Dichter il 12/8/2015 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre