.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

9 febbraio 2016

Hydra mentale

           

Passeggiando come traversando

decenni diroccati dell'età

dai sapori frantumati,

era il mattino pronto ad arrivare

mentre scendevo dalle scale,

ancora buio sopra la testa

occhi al vento con tellurico temporale

scalfito e tragico che si approssima

al rigurgito etilico della mattina,

stesa la fessura delle ante

e delle crepe come fosse vetrina,

guardando le mie unghie tinte di nero,

il resto del passato come schierato

dalle truppe, dalla paura trattenni il fiato,

si aprì il portone e fu un notturno fragore.

 

Guardai Milano e corso Garibaldi,

scintillando in file entusiastico,

iniziando a volteggiare

come un airone

che per non pensarci posa lo sguardo

altrove,

ti rividi dopo anni

un po' per caso,

un po' per violento nubifragio

decorato dalle remissioni

del Virus scandito

e nel lisergico chiarore claudicante

zoppicai dalla cornice

al pianto inabissato,

mi stesi a terra continuando

a fare scorgere immagini

imperfette

che dalla finitezza riversavano

sbocchi

verso affluenti inclinati

scorrendo in ruscello riservato,

come è stato ciò che è stato,

allora non ricordai chi ero

e nel silenzio rubacchiai un saluto

come oltraggio al destino.

 

Presi un foglio umido

e con l'inchiostro abbozzai il ricordo

oramai troppo lontano

di un uomo senza più gloria né rispetto,

di un uomo nella sua anima persa,

di un ragazzo quando il cellulare

era solo paura della prigione,

quando l'età era dell'innocenza

e il futuro come ora già vissuto,

poi con la tennens cercai di dimenticare

per poter tenere bene a mente

ciò che son stato

quando non ero,

ciò che sarò prima dell'ascesa

e della caduta,

prima del tempo di qualche venuta,

così resi tutto in mille pezzi,

il foglietto navigava

nella pozzanghera appena formata,

la pioggia nolana si dissipava.

 

Erano quattro quei cavalieri di parole,

di romanzi hardcore ricamati,

guardai la musica ed ascoltai

il sussurro dei miei libri

che si districava nella corrente

per elettrificare un quoziente

approssimato dal rifiuto

dell'assurdo risultato.

 

Risi di gusto davanti a te invecchiata.

 

Puntando tutto sulla conclusione

persi e ancora, ancora ridevo,

delle altrui imperfezioni,

delle loro decisioni,

di me sollevato come rondine

che assurgo l'ultimo sospiro

alla ragazza che mi ha dimenticato

per un'indifferente conoscenza,

per un ardito silenzio,

comunque non la biasimai

e in solitudine me ne andai.

 

Bucai quella voglia taciturna,

ascoltai ancora l'immagine

in sordina ma che non era

mica smarrita,

 

la via di ieri era in salita,

la rimonta in differita,

la spiaggia arrivò in ritardo

quando c'era già lo spasmo

dal cruente cuore d'arpilla,

arpia di giorni indispettiti,

mai così non mi ero indispettito,

la rabbia impotente conduce

alla follia se non sei auriga

del tuo stesso sentire

ontologico nel patrimonio

intellegibile e istintuale,

un rimbombo assurdo mentale,

un ridicolo pentimento, ok,

d'accordo, ora ti sento.

 

Guardai tutto come da un televisore,

la risata intensificata

e il foglio perso

fecero scrivere i tomi della mia vita

nell'animo di sconosciute

usate a mo' di inganno celebrale,

sull'asfalto restò il resto,

conciso coll'indelebile gesso

dell'indice accusatore della convenzione.

 

Schizai deciso come un sopruso

e resi il giusto a chi è dovuto,

me ne andai con il vento alle spalle,

i tuoi capelli agitati,

il pendolino e il numero di prestigio alle carte.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. hydra mentale idra hidra hidra mentale idra mentale passeggio spiovente spiovente passo solingo ossimoro risultante ossimoro decenni diroccati reggia diroccata dirocco bicocco bicocco bicocca bigotta fermento frumento sapori frantumati virus lisergico liserigioco risultato elettrificazione elettrificato quoziente quoziente elettrificato occhi vento occhi di vento occhi al vento tellurico temporale scalfito tragico rigurgito rigurgito etilico rigurgito etilico di prima mattina prima luce del mattino rigurgito mattutino fessura ante stesa fessura delle ante crepe vetrina etalage étalage unghie tinte di nero passato schierato resto del passato truppe paura fiato trattenni il fiato dalla paura resi il giusto a chi è dovuto gioco di prestigio carte gustavo rol notturno notturno fragore fragore fulgido fremito fremito scosso valvola fanzine kobra king of kobra milano corso garibaldi 1983 2001 file file entusiastico frame scandito volteggiare airone altrove risi di gusto davanti a te invecchiata nubifragio violento nubifragio chiarore claudicante lisergico chiarore claudicante cornice pianto pianto inabissato zoppicai zoppicai dalla cornice al pianto inabissato immagini imperfette nolano nolana pozzanghera nolana ruscello ruscello riservato affluente affluenti inclinati letto piatto patto pazzo cyberpunk oltraggio al destino non ricordai chi eri rubacchiai un saluto oltraggio umidità convessa foglio umido gloria rispetto cellulare prigione motorola età dell’innocenza innocenza abisso scaltro futuro già vissuto tennens oblio da tennens ascesa caduta venuta alterni interni corsi alterni esterno massimo vettore sentimento eterno etereo ditirambo pioggia nolana hardcore romanzi hardcore romanzi hardcore ricamati hard core hardcorde sussurro dei libri errore madornale sesquipedale error in gratia rifiuto approssimato rifiuto risultato assurdo risultato rifiuto approssimato dell’assurdo risultato ultimo respiro assurgo assurgo l’ultimo respiro ragazza ultimo respiro alla ragazza ragazza dimenticata indifferente conoscenza ardito silenzio bucai voglia taciturna vena vela bucai la voglia taciturna sordina immagine in sordina immagine sordina serpentina ieri in salita rimonta in differita arpilla cuore d’arpilla cuore arpilla ragazzo tenebra cuore di tenebra arpia giorni indispettiti auriga auriga folle auriga del tuo stesso sentire ridicolo pentimento rimbombo astrale rimbombo australe rimbombo mentale mentale rimbombo assurdo ridicolo rimbombo assurdo mentale risata risata intensificata ridere di gusto tomi tomi vita tomi della mia vita anima di sconosciute inganno celebrale inganno inganno celebrale gesso indelebile gesso indice accusatore convenzione indice accusatore della convenzione schizzai schizai deciso sopruso deciso sopruso schizai deciso come sopruso vento alle spalle pendolino gioco di prestigio mentalismo kobra king of kobra kobra 7 bad trip prof bad trip professor bad trip arte cibernetica booom hasta luego canaglia zingare grido sordo lisergico risultato inverso assunto indetto autogestite rimesse altere autogestiti rimesse altere

permalink | inviato da Dichter il 9/2/2016 alle 10:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 ottobre 2015

Sonata

 

Due bestiole si presentano,

che graziose, che portamento,

che quiete sentir il fermento muto,

l'incanto, il canto tuo, è così sublime

(e sei col libro chiuso).

Sembra quasi la musica

non si percepisca,

solo un lontano bagliore tonale,

è un'arpa rinascimentale,

un inciso spirituale.

Il risveglio fischiettante dei folletti,

con gli intenti furbetti,

dolce fiaba emo,

tra Selene fremo,

Eos avanza, che temperanza,

la giostra gira cara ragazza

nel carillon protetta,

cardigan, 

sia benedetta la tua faccetta.

In punta di piedi

tra viali scoscesi

saliamo i gradini,

sfidiamo gli altarini vicini

vicini, scansiamo il nemico

e facciam l'occhiolino

e tu danzi avvinghiata

a te stessa sotto le stelle,

dio mio che splendore!

L'acconciatura francese

ti sfiora la palpebra distratta,

allora oscilli trottolina vorticosa

e scomposta,

dionisiacamente risorta.

Ciclo naturale

e metempsicosi corporale,

batto i tre quarti,

figura perfetta e stellata

da musichetta pitagorica,

le etalage di turno

congiunte in Saturno

hanno la luna storta

e contorta.

Il meridiano divide il limone

in atteggiamento sospetto,

in dolce compagnia sul letto

aspro e strisciante,

la corda pizzica ancora

come formaggio l'asola.

E c'è una festa in piazza,

si sente dalla terrazza,

più altera va la ragazza.

La spola fan tre o quattro

appostati sotto il palco autunnale,

il vento soffia,

l'amplificatore, la spina, le cuffie,

il motore.

E poi gli stralci,

sonetti o minuetti,

il maestro si sbatacchia,

poi vede la ragazza,

non è distrazione

ma entrar nel vivo della questione.

La musica infatti avanza,

avvitamenti,

piroette maledette,

odore di fumo, sbuffa la pipa

all'inverso.

Siamo ancora all'inizio,

ne passeranno di ponti

sott'acqua, archi romani sprofondati

e corrosi dal flusso,

il maestro spettinato

indossa il cirro stonato,

copricapo lodato, disimparato,

frastornato e sciupato.

Vai in re minore,

te lo aspetti,

non sei dodecafonico,

allora l'orchestra sbadiglia,

pastarella e amarena stanca,

vorrebbe inchinarsi per sopirsi,

il pubblico bivacca,

divora le note indigeste,

scucite e scandite

dal ticchettio di novena ripiena.

Eccolo,

entra in scena,

proprio mancava, l'assicurato

impresario che lancia in aria

i tre danari, mette da parte

e investe i talenti

ad uso contadinello ottuso

ed imbevuto di pesticida laureato,

di sandalo arricchito e deluso.

La ragazza sonata si ribella

alla disfatta, gambe all'aria,

è tutta fatta,

affonderà col transatlantico,

vicino mio dio,

l'incubo mio,

tra le fauci del coccodrillo

riversa sincera la chimera

e le partiture, tutte le arsure

e le violette infine.

Mi alzo dal letto al frastuono,

il pragmatismo ha svilito il suono

docile e contemplativo,

l'anima e lo spirito si ribellano

ad un corpo che non vuole piegarsi

ad essere semplice contenitore

e strumento dell'una e dell'altro.

E scorgo lontano,

la vista aguzzo,

dicevo scorgo un lamento

materializzato di un mondo eclissato,

un mondo lontano e ovattato.

Poi uno scalpitio,

il mendicante ritratto,

armato di bastone,

nell'incedere distrae.

Folle, folle,

folle il venditore,

freme, freme,

freme la bancarella,

fruga, fruga,

fruga sotto il suo velo.

Il nostro cuore è l'ultimo rumore,

il vento ancora più forte respira affannato,

mi hai già dimenticato? Ma dai,

eri colà poco fa.

Che cosa diresti al mio posto,

fischietti e mi ignori,

padrona dell'oblio notturno.

Cambio di scena repentino,

la ragazza mi riabbraccia,

cade in trance,

cade in estasi mistica,

in un attimo è trafitta dal dardo d'amore,

il fanciullino alato ha di nuovo vinto

e perverso è il seguito...

Va tra le note di nuovo,

godi la musical vitalità,

vai spogliati,

leva le lineette nere,

bianco il foglio dipingiamo

ed annotiamo.

Che carina la mantellina

incrinata sul ruscello,

mi guardi fissa e risplendi,

mi copri il labbro e la tua bocca sfiora

la mia fronte, la mente in refrigerio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sonata bestiole grazia celtica fermento muto incanto canto libro chiuso musica percezione bagliore tonale bagliore tonale aepa arpa rinascimentale inciso spirituale inciso risveglio fischiettante furetti folletti furbetti metallare ballare pogare emo tagliuzzati tagliuzzate vene zigzagate selene fremo eos temperanza giostra carillon cardigan dolce ragazza in punta di piedi viali scoscesi danza avvinghiata acconciatura francese palpebra distratta trottolina vorticosa dionisicamente risorta dioniso ciclo corporale metafisica metapsichica metempsicosi spirituale tre quarti batto i tre quarti figura perfetta stellata musichetta pitagorica opera 23 opera IX etalage saturno luna storta congiunzione meridiano limone erba aspro strisciante corde pizzica asola festa piazza altera ragazza amplificatore spina cuffie motore stralci sonetti minuetti sbatacchia sbatacchiare maestro spettinato accorda discorda dissonanza magnetica dissonanza armonica piroette fumo pipa sbuffo mordace inverso sbuffa inversa cirro stonato cirri copricapo lodato disimparato frastornato sciupato re minore dodecafonico dodecafonica orchestra orchestruola orchestra sbadiglia note indigeste note esponenziali turusu impresario denari danari tre pesticida laureato sandalo arricchito deluso mondschein sonate mondscheinsonate ragazza tutta fatta sonata ragazza gambe all’aria transatlantico fauci coccodrillo chimera partiture mezzacoda docile contemplativo mondo eclissato mendicante ritratto folle venditore fruga ultimo rumore il nostro palpito è l’ultimo rumore oblio notturno dardo d’amore dardo saetta furbetta mente in refrigerio ruscello senso mio mia respiro senso d’assoluto

permalink | inviato da Dichter il 4/10/2015 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo