.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

17 gennaio 2016

Sgocciola il ricordo del futuro

           

Sgocciola il ricordo,

pianto

è l’illusione

di un giro contorto

perso tra visioni,

versioni,

incursioni,

andaluse stanze,

piazze

in giro tramortite.

 

Così

misi la fine

la mia

quando

sognavi ancora e poi

credevi

all’ultima intrapresa

resa

come

inizio e dignità.

 

Ancora e ancora,

solo l’aurora,

resta il tempo

maledetto

del ricordo

 

ieri vedo

ciò che dico

 

e raccontai

tra l’intervallo

primo e questo.

 

Così,

sarà così

che tu

struggente,

la stessa,

la vita

di quando

a un palmo

ero distante

e tu così vicina.

 

E canto

e cantai solo di te.

 

Tormenti

intesi,

sussurri

gli anni passati

ormai finiti.

 

Eccoti

qua,

 

cambiata e sempre tu,

ragazza che raccoglie in sé

l’armonia tutta,

l’umanità intera

ed ogni altra non è

che parte di te.

 

Eccoti di nuovo

nella mia memoria

stesa su panchina,

mi ricordo!,

dicendo sai,

discorso

prezioso,

tu ricordi il nostro tempo

al confine

dell’universo

intero;

 

esso era

ed è ancora

nei tuoi occhi

che sai

 

e sai il tuo nome

e dire

sì, è questo,

scoperto il suono

sull’atlante

ma dopo

il gusto

 

io scriverei la stessa cosa.

 

Il segno del ricordo.

 

E tu continui

Bea con la lettera d’inizio,

ossia lì alla fine della musa

di bellezza,

che ti rimanda

al boschivo

cirro tra porpora e arenaria

e all’occhio lucente

metilene e cobalto,

ma sfumato e profondo.

 

S’arena dunque l’alma mia

come lucente al trotto

del giro commosso

e ridicolo

 

e s’arena ancora alla tua vista

splendente

che sembri trafitta e risorta,

che sembri andata

ma col vigore di allora,

 

che ti amo ancora in diecimila

intensità diverse

ed amo il tuo corpo

soggetto a mutamento

e più muta più l’amo

più penso

ad allora,

 

l’estate e quanti anni!

 

Quando cominciò

come valanga ora immerso

nel fango,

in sedimenti irrecuperati

e irrecuperabili

o tu mia luce,

 

quanto di te ricordo

e prima ancora dell’immagine

la voce

e prima ancora il suono

e il sibilo anzi ancora

 

quanto m’è dolce.

 

Quanto mi è dolce il tuo volto

che si scrolla

e tutto nuovamente smuove

e non solo in me

ma traballa in mille serie multiformi

tutto ciò che è attorno.

 

E dal corpo all’alma tua,

quella ancora più viva

quella tua maestosa alma

alla tua statura parva

che ingrandisce l’orma

di te

in un tripudio

dell’immenso

 

e l’alma, l’alma

è l’alma

 

sei tu splendida!

 

La tua alma dormiente

che subito si sveglia,

la tua alma che ti è e ti rende

e tu divieni

dunque

immortale alle genti

 

e l’essenza

traspare

e languisce,

la vista inebria

e la mia parola si arresta

 

tu verità dalle tante ragioni

e dal cuore di tenebra,

incanto del domani

il nostro passato.

 

E ti rivedo

e ti sogno

riletta ovunque

e ovunque

una persa

ricuperata

e intensa.

 

E lo spirto

più ancora

è il tuo verbo

di cui ho detto,

e che lascio al silenzio

nella preziosità della tua assenza,

a me forse più prezioso

 

ma adornato

ed agghindato

se mai risentissi

o concessomi farlo

divina che ometto la i

mettendola in eccesso

come alle terme

perché la mia è incompletezza

e la tua perfezione.

 

Ah sapessi che fai,

sapessi parlare

o scrivere

o dire

o segnare nell’aere

o nel segno tuo stesso

di ieri il completamento

 

quanto lontana mi è la vita,

quanto le cose,

quanto gli affetti,

quanto l’amore,

 

ma ragazza di un tempo,

indelebile mia compagna assente

di questi ultimi miei anni,

sapessi vivere

vivrei di te.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sgocciola ricordo sgocciola il ricordo pianto illusione giro contorto giro contorto perso una persa visione visioni miraggi spiagge arenaria alabastro incursioni stanze andaluse andaluso stanze andaluse piazze cuore di tenebra tenebra giro tramortite tramortito fine mia intrapresa resa intrapresa resa inizio dignità alma alma spersa tempo maledetto tempo maledetto intervallo secondo intervallo quarto intervallo questo distante palmo distante un palmo vicino vicina canto di te canto canto solo di te canto e cantai di te sapessi vivere vivrei te sedici tormenti ragazza armonia armonia dell’universo armonia delle cose confine confine dell’universo occhio cobalto occhio metilene occhio profondissimo cobalto metilene cirro segno segno del ricordo ricordo memoria bea musa musa di bellezza cirro boschivo cirro tra porpora ed arenaria occhio lucente sfumato profondo arena l’alma si arena l’alma s’arena l’alma ridicolo trafitta sgocciola il ricordo del futuro risorta andata vigore d’allora vigore ragazza diecimila intensità intensità diecimila mutamento corpo corpo soggetto a mutamento mutamento del tempo valanga fango immerso muta sedimenti irrecuperati irrecuperabili ricupero luce o mia luce o tu mia luce aurora immago immagine voce suono sibilo quanto m’è dolce volto scrolla. il tuo volto tutto scrolla mille serie multiformi dal corpo all’alma alma maestosa statura parva orma parva orma gigante alma dormiente essenza traspare languisce essenza traspare essenza languisce vista inebria inebria parola s’arresta sapessi vivere vivrei di te incanto del domani incanto del domani il nostro passato rivedo sogno silenzio assenza preziosità dell’assenza silenzio preziosità dell’assenza segnare segnare nell’aeree nel segno tuo stesso ragazza d’un tempo

permalink | inviato da Dichter il 17/1/2016 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 ottobre 2015

Sonata

 

Due bestiole si presentano,

che graziose, che portamento,

che quiete sentir il fermento muto,

l'incanto, il canto tuo, è così sublime

(e sei col libro chiuso).

Sembra quasi la musica

non si percepisca,

solo un lontano bagliore tonale,

è un'arpa rinascimentale,

un inciso spirituale.

Il risveglio fischiettante dei folletti,

con gli intenti furbetti,

dolce fiaba emo,

tra Selene fremo,

Eos avanza, che temperanza,

la giostra gira cara ragazza

nel carillon protetta,

cardigan, 

sia benedetta la tua faccetta.

In punta di piedi

tra viali scoscesi

saliamo i gradini,

sfidiamo gli altarini vicini

vicini, scansiamo il nemico

e facciam l'occhiolino

e tu danzi avvinghiata

a te stessa sotto le stelle,

dio mio che splendore!

L'acconciatura francese

ti sfiora la palpebra distratta,

allora oscilli trottolina vorticosa

e scomposta,

dionisiacamente risorta.

Ciclo naturale

e metempsicosi corporale,

batto i tre quarti,

figura perfetta e stellata

da musichetta pitagorica,

le etalage di turno

congiunte in Saturno

hanno la luna storta

e contorta.

Il meridiano divide il limone

in atteggiamento sospetto,

in dolce compagnia sul letto

aspro e strisciante,

la corda pizzica ancora

come formaggio l'asola.

E c'è una festa in piazza,

si sente dalla terrazza,

più altera va la ragazza.

La spola fan tre o quattro

appostati sotto il palco autunnale,

il vento soffia,

l'amplificatore, la spina, le cuffie,

il motore.

E poi gli stralci,

sonetti o minuetti,

il maestro si sbatacchia,

poi vede la ragazza,

non è distrazione

ma entrar nel vivo della questione.

La musica infatti avanza,

avvitamenti,

piroette maledette,

odore di fumo, sbuffa la pipa

all'inverso.

Siamo ancora all'inizio,

ne passeranno di ponti

sott'acqua, archi romani sprofondati

e corrosi dal flusso,

il maestro spettinato

indossa il cirro stonato,

copricapo lodato, disimparato,

frastornato e sciupato.

Vai in re minore,

te lo aspetti,

non sei dodecafonico,

allora l'orchestra sbadiglia,

pastarella e amarena stanca,

vorrebbe inchinarsi per sopirsi,

il pubblico bivacca,

divora le note indigeste,

scucite e scandite

dal ticchettio di novena ripiena.

Eccolo,

entra in scena,

proprio mancava, l'assicurato

impresario che lancia in aria

i tre danari, mette da parte

e investe i talenti

ad uso contadinello ottuso

ed imbevuto di pesticida laureato,

di sandalo arricchito e deluso.

La ragazza sonata si ribella

alla disfatta, gambe all'aria,

è tutta fatta,

affonderà col transatlantico,

vicino mio dio,

l'incubo mio,

tra le fauci del coccodrillo

riversa sincera la chimera

e le partiture, tutte le arsure

e le violette infine.

Mi alzo dal letto al frastuono,

il pragmatismo ha svilito il suono

docile e contemplativo,

l'anima e lo spirito si ribellano

ad un corpo che non vuole piegarsi

ad essere semplice contenitore

e strumento dell'una e dell'altro.

E scorgo lontano,

la vista aguzzo,

dicevo scorgo un lamento

materializzato di un mondo eclissato,

un mondo lontano e ovattato.

Poi uno scalpitio,

il mendicante ritratto,

armato di bastone,

nell'incedere distrae.

Folle, folle,

folle il venditore,

freme, freme,

freme la bancarella,

fruga, fruga,

fruga sotto il suo velo.

Il nostro cuore è l'ultimo rumore,

il vento ancora più forte respira affannato,

mi hai già dimenticato? Ma dai,

eri colà poco fa.

Che cosa diresti al mio posto,

fischietti e mi ignori,

padrona dell'oblio notturno.

Cambio di scena repentino,

la ragazza mi riabbraccia,

cade in trance,

cade in estasi mistica,

in un attimo è trafitta dal dardo d'amore,

il fanciullino alato ha di nuovo vinto

e perverso è il seguito...

Va tra le note di nuovo,

godi la musical vitalità,

vai spogliati,

leva le lineette nere,

bianco il foglio dipingiamo

ed annotiamo.

Che carina la mantellina

incrinata sul ruscello,

mi guardi fissa e risplendi,

mi copri il labbro e la tua bocca sfiora

la mia fronte, la mente in refrigerio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sonata bestiole grazia celtica fermento muto incanto canto libro chiuso musica percezione bagliore tonale bagliore tonale aepa arpa rinascimentale inciso spirituale inciso risveglio fischiettante furetti folletti furbetti metallare ballare pogare emo tagliuzzati tagliuzzate vene zigzagate selene fremo eos temperanza giostra carillon cardigan dolce ragazza in punta di piedi viali scoscesi danza avvinghiata acconciatura francese palpebra distratta trottolina vorticosa dionisicamente risorta dioniso ciclo corporale metafisica metapsichica metempsicosi spirituale tre quarti batto i tre quarti figura perfetta stellata musichetta pitagorica opera 23 opera IX etalage saturno luna storta congiunzione meridiano limone erba aspro strisciante corde pizzica asola festa piazza altera ragazza amplificatore spina cuffie motore stralci sonetti minuetti sbatacchia sbatacchiare maestro spettinato accorda discorda dissonanza magnetica dissonanza armonica piroette fumo pipa sbuffo mordace inverso sbuffa inversa cirro stonato cirri copricapo lodato disimparato frastornato sciupato re minore dodecafonico dodecafonica orchestra orchestruola orchestra sbadiglia note indigeste note esponenziali turusu impresario denari danari tre pesticida laureato sandalo arricchito deluso mondschein sonate mondscheinsonate ragazza tutta fatta sonata ragazza gambe all’aria transatlantico fauci coccodrillo chimera partiture mezzacoda docile contemplativo mondo eclissato mendicante ritratto folle venditore fruga ultimo rumore il nostro palpito è l’ultimo rumore oblio notturno dardo d’amore dardo saetta furbetta mente in refrigerio ruscello senso mio mia respiro senso d’assoluto

permalink | inviato da Dichter il 4/10/2015 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 settembre 2015

Emisfero di passioni è la ragazza mia

           

Emisfero di passioni è la ragazza mia

ed ogni quesito d'universo spento

ripudia dolor nell'estroso passo,

talora guarda al dipinto plurale

dell'erba e del soffice manto

austero nel canto cadenzato

e raddrizza l'inverso fragoroso

della vista quando, miserrimi,

celebrammo la ventura dell'oscuro.

Talora lei simpatica,

quando le fisso le mani

abbassa il viso

ed è come voragine il

mio core,

come tempesta il mio sentire,

tutto trasmuta in trascendente

e non v'è figlio di Cristo

che non senta il pullular

di una scolastica passione,

il vincolo sovruman

della femminea intenzione.

Allor si chiede all'ombra

ristorato

un corpo innamorato e tutto

perso

se da un solo cenno

si può carpire il color

dell'immenso,

le fugaci vie mancine,

i dardi e le stelle

che in gomitoli di costellazione

fanno l'eco

al grappolo vistoso della sua

silente immaginazione,

del suo sorriso.

Sembra che la temperanza

vinca la empedoclea

confusione,

la scissione dell'armonia

tutta in faville

quando per la tensione

si respira guerra

che dir 'sì santa

è offesa all'anima

creatrice.

E lei, perciò,

è l'unica salvezza,

o genti mortal

gettate al vento il mantello,

ficcate nella rimembrosa roccia

l'acuminato stendardo,

lanciate l'elmo,

che 'sì tosta virtù

mai per disdegno

ha carpito il senso mio.

Come il pittor

talvolta naufrago

rimugina sull'algoritmo

fitto

del Fato

per trovar la giusta quadratura

al cerchio,

tal io son rimembrano e contemplando

la sua gioia diurna

e furente nella notte

quando l'occhio dilata il suo vettore

e tenue come foco rissoso

sfavilla il suo pudore,

splendore!

Non negate spiriti

a cotal figliuola

che tanto ha sofferto

e tanto amato

la grazia dell'immenso.

E tieni conto

o Misericordioso Lume

che pur se lei ha negato

il tuo dominio

l'occhio ruggente e celeste

suo

a te ha condotto

me e gli altri innamorati

profughi nel vuoto

infinito dell'immenso.

Non sperderti dunque,

o mia canzone,

ma per li cortili e i vicoli,

le reti ingorde

e le prolisse rive

spargi il suo nome

e per desio

cedile il posto

nel più melodioso cerchio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. emisfero passioni ragazza mia empedocle empedoclea furore eroico quesito universo spento muto apparire celere apparir ripudio estroso passo dipinto plurale manto soffice austero canto cadenzato verso tre piedi stanza stanze inverso fragoroso rizzato luna chiarore miserrimi ventura oscuro voragine cuore core tempesta sentire trasmuta trascendente scolastica passione vincolo sovrumano sovruman silenzio femminea femmineo intenzione intenzion divina ombra all’ombra ristorato corpo alma anima spirito fugace perso tutto perso cenno carpire assoluto immenso fugaci vie mancine dardi stelle gomitoli costellazioni eco grappolo vistoso immago immaginazione temperanza confusione scissione armonia faville anima creatrice anima creatrice alma creatrice genti mortal genti mortali gettate al vento vento mantello rimembrosa roccia incudine martello arma tesa acuminato stendardo pittore algoritmo inverso risultato paradiso canto citazione citatio inverso fato quadratura cerchio achille futurismo pastarelle rote ruote valvole trascendenti gioia diurna furente notte foco rissoso fuoco occhio dilata rimurginare cotal cotale figliola lume misericordia misericordioso lume ateismo convesso dominio divino unico trino gioia immenso celestiale cerchio canto sonoro musichevole melodioso più melodioso cerchio stelle profughi del vuoto voto profugo profeta poeta canzone cortili vichi viali stradicciole sparso nome stupendevole spargi il suo nome offesa all’anima creatrice cedile posto desio disio per desio desio misericordioso

permalink | inviato da Dichter il 26/9/2015 alle 16:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        febbraio