.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

8 ottobre 2015

Succubi alla profezia

           

Succubi alla profezia

si partiva,

centomila armate schierate,

marce e petti impostati,

rami d'ulivo

e palme tra le mani,

 

all'improvviso il cataclisma planetario,

l'infinità dei mondi

ridotta a circolo delimitato

dall'invettiva,

dall'inventiva femminea.

 

Nel tempio di Delfi

la comunità di Filadelfia lesse,

i copti intralciati dalla Maddalena,

intimamente riapparve Atlantide,

con nocumento,

gli dei torneranno,

sono tornati

o stanno avanzando.

 

Nella Città Eterna

fu un lampo a scatenar la foga,

in un solo istante

fu riacceso il fuoco di Vesta,

 

due metallare in un angolino

a fumare,

tre scuotimenti emo

a tagliuzzare i resti artificiali

del domani,

a riaccordarli,

a incollarli ad uso collage dadaista,

 

sembra che sia sublimato

il punto alternativo di vista.

 

Nella volta celeste

diversi segni luminosi ingannevoli,

nella stratosfera i caccia americani

si accostano e implodono

ad uso cheeseburger,

bevanda e patatine

ovviamente comprese.

 

Infine lungo il corso

si sviluppa l'apocalisse,

tra le caldarroste

e gli artisti di strada,

 

spiazza l'iceberg inflitto

a colpo d'ascia

della scienza spiritica

congiunta in sezione aurea

alla naturale.

7 maggio 2015

Selendichter

https://selendichter.wordpress.com/2015/05/07/selendichter/

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sonata on the road da qualche parte ohibò canto cadenzato respiro dell'aurora armonia d'eterno l'imperatrice dagli occhi incauti traluce la quinta dimensione vettori pluridimensionali la dama delle stelle poi finisti nel giardino meglio sorvolare la verità porgimi il cuore diadema del dolore onirico intreccio passo repentino gocce di acrilico passeggiando a tarda sera il lamento della virtù altalenai privo di un motivo chiudi gli occhi ragazza dì io non metto il punto alba lieve tra le foglie bastioni bellici straripato il corso diurno traspare in filigrana il tuo sorriso resta lì per sempre sognatrice dicembre bavarese campanellini ipazia palladiana sorge una stella nel tramonto amazzone ludica la sinfonia del giglio sotto assedio crolla l'impero astri estrosi serenellosa evanescente il dolore spento iannara misteriosa dal caucaso spedizioni albeggianti verso il tramonto ah scaglie di fuoco la lezione di iside virtù diademica resta qua qualcuno inveisce con forza nella mischia siriaci serpenti magdalena notte ai decumani si svestì dinanzi allo specchio scende ora la pioggia lieve l'alba del domani sarà petalo tra le nostre dita il giardino di epicuro la ragazza di dublino cleopatra selene darkchimera lady nietzsche imbacuccata dal tuo caro foulard ti vedrò la pulzella di lorena urlo metallico come pioggia vespro seducente wieisbaden musica indimenticata armonia d'assoluto urlo d'abisso scariche magnetiche brigith era novembre acustico intruglio istante fatato e poi vetri appannati arpilla attracco fugace ondaccolo della luce stendi in aria le mani passano stagioni velate paralleli assunti fuggiasco contemplativo pallida effige silenzio ultimo verso fuggi deh vai e ritorna schiaga polvere vischiosa la torre litigiosa di varsavia centro inscindibile abat jour d'accordo sogna vai tranquilla al dunque striscia l'ultimo rigo hai già dimenticato il nostro segreto io non posso più aspettare alla deriva naufrago andando follie sideree scende già la sera arcadia sannazaro coppia unità molteplice e divina pelide adirato nunet picciola lo specchio della divinità wilm i milosc presidente del mondo la goccia e il petalo inclinato beatrice bronzina liceale nikkal selene oscura dissoluzione del tempo fenicotteri al mattino scuote il buio nidaba con fare incerto correlativa vai ritmato il verso africa libera assurda questa vita terrestre usucapisci il corpo mio l'aurora di una nuova era ommico il cuoricino cosmico e dialettico assunti pratici limite floreale succubi alla profezia persefone è sulla soglia dell'ade madachen wagner maggio'97 mandorli magici hathor lilith bios thanathos da dietro la colonna scai di petali blu divina padrona tesoro occultato regresso l'intro pensa se stesso scaglie di fuoco agalma

permalink | inviato da Dichter il 7/5/2015 alle 17:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        gennaio