.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

17 gennaio 2016

Sgocciola il ricordo del futuro

           

Sgocciola il ricordo,

pianto

è l’illusione

di un giro contorto

perso tra visioni,

versioni,

incursioni,

andaluse stanze,

piazze

in giro tramortite.

 

Così

misi la fine

la mia

quando

sognavi ancora e poi

credevi

all’ultima intrapresa

resa

come

inizio e dignità.

 

Ancora e ancora,

solo l’aurora,

resta il tempo

maledetto

del ricordo

 

ieri vedo

ciò che dico

 

e raccontai

tra l’intervallo

primo e questo.

 

Così,

sarà così

che tu

struggente,

la stessa,

la vita

di quando

a un palmo

ero distante

e tu così vicina.

 

E canto

e cantai solo di te.

 

Tormenti

intesi,

sussurri

gli anni passati

ormai finiti.

 

Eccoti

qua,

 

cambiata e sempre tu,

ragazza che raccoglie in sé

l’armonia tutta,

l’umanità intera

ed ogni altra non è

che parte di te.

 

Eccoti di nuovo

nella mia memoria

stesa su panchina,

mi ricordo!,

dicendo sai,

discorso

prezioso,

tu ricordi il nostro tempo

al confine

dell’universo

intero;

 

esso era

ed è ancora

nei tuoi occhi

che sai

 

e sai il tuo nome

e dire

sì, è questo,

scoperto il suono

sull’atlante

ma dopo

il gusto

 

io scriverei la stessa cosa.

 

Il segno del ricordo.

 

E tu continui

Bea con la lettera d’inizio,

ossia lì alla fine della musa

di bellezza,

che ti rimanda

al boschivo

cirro tra porpora e arenaria

e all’occhio lucente

metilene e cobalto,

ma sfumato e profondo.

 

S’arena dunque l’alma mia

come lucente al trotto

del giro commosso

e ridicolo

 

e s’arena ancora alla tua vista

splendente

che sembri trafitta e risorta,

che sembri andata

ma col vigore di allora,

 

che ti amo ancora in diecimila

intensità diverse

ed amo il tuo corpo

soggetto a mutamento

e più muta più l’amo

più penso

ad allora,

 

l’estate e quanti anni!

 

Quando cominciò

come valanga ora immerso

nel fango,

in sedimenti irrecuperati

e irrecuperabili

o tu mia luce,

 

quanto di te ricordo

e prima ancora dell’immagine

la voce

e prima ancora il suono

e il sibilo anzi ancora

 

quanto m’è dolce.

 

Quanto mi è dolce il tuo volto

che si scrolla

e tutto nuovamente smuove

e non solo in me

ma traballa in mille serie multiformi

tutto ciò che è attorno.

 

E dal corpo all’alma tua,

quella ancora più viva

quella tua maestosa alma

alla tua statura parva

che ingrandisce l’orma

di te

in un tripudio

dell’immenso

 

e l’alma, l’alma

è l’alma

 

sei tu splendida!

 

La tua alma dormiente

che subito si sveglia,

la tua alma che ti è e ti rende

e tu divieni

dunque

immortale alle genti

 

e l’essenza

traspare

e languisce,

la vista inebria

e la mia parola si arresta

 

tu verità dalle tante ragioni

e dal cuore di tenebra,

incanto del domani

il nostro passato.

 

E ti rivedo

e ti sogno

riletta ovunque

e ovunque

una persa

ricuperata

e intensa.

 

E lo spirto

più ancora

è il tuo verbo

di cui ho detto,

e che lascio al silenzio

nella preziosità della tua assenza,

a me forse più prezioso

 

ma adornato

ed agghindato

se mai risentissi

o concessomi farlo

divina che ometto la i

mettendola in eccesso

come alle terme

perché la mia è incompletezza

e la tua perfezione.

 

Ah sapessi che fai,

sapessi parlare

o scrivere

o dire

o segnare nell’aere

o nel segno tuo stesso

di ieri il completamento

 

quanto lontana mi è la vita,

quanto le cose,

quanto gli affetti,

quanto l’amore,

 

ma ragazza di un tempo,

indelebile mia compagna assente

di questi ultimi miei anni,

sapessi vivere

vivrei di te.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sgocciola ricordo sgocciola il ricordo pianto illusione giro contorto giro contorto perso una persa visione visioni miraggi spiagge arenaria alabastro incursioni stanze andaluse andaluso stanze andaluse piazze cuore di tenebra tenebra giro tramortite tramortito fine mia intrapresa resa intrapresa resa inizio dignità alma alma spersa tempo maledetto tempo maledetto intervallo secondo intervallo quarto intervallo questo distante palmo distante un palmo vicino vicina canto di te canto canto solo di te canto e cantai di te sapessi vivere vivrei te sedici tormenti ragazza armonia armonia dell’universo armonia delle cose confine confine dell’universo occhio cobalto occhio metilene occhio profondissimo cobalto metilene cirro segno segno del ricordo ricordo memoria bea musa musa di bellezza cirro boschivo cirro tra porpora ed arenaria occhio lucente sfumato profondo arena l’alma si arena l’alma s’arena l’alma ridicolo trafitta sgocciola il ricordo del futuro risorta andata vigore d’allora vigore ragazza diecimila intensità intensità diecimila mutamento corpo corpo soggetto a mutamento mutamento del tempo valanga fango immerso muta sedimenti irrecuperati irrecuperabili ricupero luce o mia luce o tu mia luce aurora immago immagine voce suono sibilo quanto m’è dolce volto scrolla. il tuo volto tutto scrolla mille serie multiformi dal corpo all’alma alma maestosa statura parva orma parva orma gigante alma dormiente essenza traspare languisce essenza traspare essenza languisce vista inebria inebria parola s’arresta sapessi vivere vivrei di te incanto del domani incanto del domani il nostro passato rivedo sogno silenzio assenza preziosità dell’assenza silenzio preziosità dell’assenza segnare segnare nell’aeree nel segno tuo stesso ragazza d’un tempo

permalink | inviato da Dichter il 17/1/2016 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 ottobre 2015

Notte ai Decumani

           

Notte ai Decumani

la consorte del principe di Venosa

coperta solo di lenzuola

maledice i madrigali verseggiando,

barlume corneo nei suoi occhi.

 

Sansevero miscelava arsenico

e belladonna sulla tela

poi come un caimano piangeva,

da cura sforbiciata per il plasma.

 

Vorrei bruciare l’odore

dei pallini d’incenso in combustione

privi di allori e seducenti,

il venditore di giornali sembra

aggiudicatario battitore,

 

picciola non dimenticare

di trasmutare la morale.

 

Croce diplomatico mancato

estetizzava estasiato in biblioteca,

l’arte è una parte,

direi però la fondamentale,

la molla della storia

e del circolo perverso della gloria.

 

Patteggiamo col divo Nerone!

 

E l’era dei fumetti

letti in piazza

tra il gomito e la tazza

di solfuro intarsiata

stracolma di folla indispettita,

cicche fumate a metà.

 

Varia l’effige!

 

Bruno studiacchiava

nel chiostro e si distraeva,

poi buttava all’aria le icone

dei fratelli

e le sostituiva con scritti

babilonesi o neoplatonici.

 

Virago celtica!

 

Ed affinché

non dimenticassimo le beffe

con le cornamuse contuse

facemmo il verso al gesso

del docente inconcludente.

 

E spaziamo con la danza!

 

Vai là,

ondeggia a sinistra o di là,

vai già

più lenta della musica,

ritmata la tua scorza di limone,

candito

inflitto a pizzico di dito.

 

La violenza fu sconfitta

con un bacio in palafitta

dell’invasrice indoeuropea

ancella di Brighid,

 

era un’epoca remota

ma l’edenica scena

non fu mai più riproposta,

 

sono fiori colti nel deserto

e tradotti in sanscrito.

 

Voilà,

non manca fumo pel digiuno,

 

voilà,

c’è cenere e amore se ti volti di là,

 

il capo piumato è scolorito

allora rinunciamo all’allettante invito.

 

Nella notte si cacciava

per maledizione

non ci si nutriva più

solo di frumento e bacche,

la simpatica ragazza

faceva l’occhiolino

ed incrociava le braccia.

 

Sai già,

conosci il nome del silenzio,

vuoi avere le cartine al tornasole,

le patrie senza limiti e frontiere.

 

Le musiche non cambiano

da popolo a popolo

c’è comparabilità nell’identità

perché l’essere diverso

si identifica solo con l’incontro

e col confronto

ed acquista così unicità.

 

Mi conceda infine l’ultimo passo di danza.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. notte decumani napoli partenope phartenope parthenope notte ai decumani bruno giordano di sangro raimondo sansevero principe sangro venosa gesualdo consorte lenzuola coperta solo di lenzuola fantasma san domenico maggiore san domeenico maggiore piazzetta nilo cardo filippo bruno nolano chiostro santa chiara babilonesi egizi riti orfici misteri sedimenti passato croce diplomatico l’arte è una parte estetica estetizzato estasiato esteticare estasiato estasiare estetico estasi estetica frumento bacche veganismo edenico preadamiti veganismo edenico brigith serva di brigith brighit serva di brighit brigit edenica scena crestomazie sanscrito fiori sanscriti musica comparazione comparazione estetica comparazione antropologica antropismo campi flegrei il nome del silenzio silenzio cartine tornasole fumo digiuno fumo pel digiuno madrigali barlume corneo venditore aggiudicatario banditore giornali artisti di strada arsenico belladonna tofana acqua tofana solfuro nitrito acque solforose caimano pianto sforbiciata plasma alloro allori seducenti trasmutazione trasmutare trasmutare la morale morale canone precetto disciplina storia molla molla storia gloria gloria all’ottavo circolo perverso circolo perverso della gloria et in arcadia ego vitriol nero nerone divo divo nerone anfiteatro fumetti piazza gomito tazza solfuro intarsio intarsio di solfuro intarsiata di solfuro effige varia l’effige virago celti virago celtica cornamuse contuse docente verso quarantena spirituale inconcludente ritmato verso ritmato verso stanza limone ritmata scorza di limone allettante invito cicche a metà cicche cicche fumate a metà candito candido candide inflitto pizzico dito pizzico di dito cenere amore partie limiti confini patrie senza limiti e confini agarttha giardino del mondo città nuova agartha canto di circe conto velato velatura velatura sublime velato maja maya voce viso la voce del silenzio silenzio la voce dello spirito voce spirito anima mundi pneuma soffio vitale spirito agente sannio sanniti flumen insula in flumine nata sebeto italici italioti greci restranti

permalink | inviato da Dichter il 23/10/2015 alle 11:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        febbraio