.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

5 febbraio 2016

Schiarisce il buio

           

Schiarisce il buio,

tempesta di diamanti

il sogno sordo

della mia memoria

e il vento del silenzio;

 

così,

per ricordo lucente,

e così,

per principio assente,

rivedo lontano il sussulto

mancato

ed il sussurro sciupato

per entrare nel vivo

 

ecco che amplifica il suono,

esplode

a notte inoltrata

la bolla del senso

e rivedo

il tuo volto

temeraria

principessa

divina del mio

melodico accenno stonato.

 

Prorompe,

prorompe

lo squillo

assordante,

preludio

dell’adagio flebile

sentimento

 

e saliamo le scale del tempo

come naufraghi eroici

dai mille diademi

maledetti

 

e sei splendida

come sposa del biblico cantico

e torre di gaudio maestosa

ed avorio dei denti lucenti

e progenie del fato dilettissima

ed occhio d’incanto

ed ammaliatrice come maga

tramuti i miei sensi in bestiole dolci

come lira pizzica il tuo spirito

l’anima mia perduta in te,

come riflesso di luna posata

su specchi infiniti 

il sognato tuo abbraccio,

come amarena ed assenzio le tue labbra

desiderate

eppure che so tanto leziose,

fatte d’ambrosia, mirtilli e nettare

dea perfettissima.

 

Ti penso.

 

Ora silente

è tutto,

solo

l’ombra tua

ciò che ho,

tiepido ardore

e lo sbocciare di un sorriso

appena appena accennato

mentre scrivo e la penna

ed il fumo

e tu qui assente ancora

riappari furente

posata lieve sul manto sidereo,

mia amata di sempre

 

ed io che ti do,

parole su parole

ed assiomi

scardinati

e poi me,

e ancora tu,

motivo

e luce

del mio suono

e vestigio d’incenso

il tuo vello,

altera

ti vedo

ancora lo dico,

terribilmente

assente

ma fugace immago d’assoluto,

senso ultimo dell’esistenza

 

ed ancora sovrana,

capretta cortese

dei respiri arcadici

e dei vivaci accenni

di stemperamenti

in ortensie

ed in viole

e in zagare

ed in gelsi

ed acacie

e nel resto sovrana

coi simboli sottesi

al tuo mutamento

 

statico e perfetto,

 

riluce

e traluce

la storia,

sapessi quanto mi prendi

te e come sei

tutta stupenda!

 

Vaneggio

che non fu

ma desio speranzoso,

sboccia

come verdura anzi tempo

respiro d’inverno

pensarti onda sottile

nei sobborghi del mio esistere,

rosmarino,

senso di tutto e tutto ad un tempo,

essenza dell’oggi

e muto il verbo

cresce d’intensità

sogno desto

e maledetta

nella tua perfezione,

 

dimmi ancora qualcosa,

 

tripudio

di suoni

è il tuo nome.

 

Sogno te,

penso a te,

vedo te,

chiedo di te.

 

Anche se ai margini

dello stordimento

pregresso

il tuo volto mi è tutto,

il tuo corpo il velluto,

il tuo manto,

il tuo cenno,

il periodo sospeso,

 

l’ode all’altrove.

 

E splendi ancora

fulgida essenza cromatica,

 

biancheggia

candida

la mia eterna

maledizione

nel pensarti

così

 

sincera

 

mia principessa

 

risveglio in notturno fragore

e sei ancora il mio trastullo

dell’intelletto

il fiore più candido

del giardino del mio cuore

ciò che non osi

nel canone inverso,

 

quel comporre sordo,

quel chiarore

musicale

ultima

 

tempesta

della ultima mia volontà.

 

E tanto m’è caro,

tanto,

la ripetizione

del tuo splendore

in canticchiare balbettante.

 

Come latte amarena

boschiva.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. schiarire schiarisce buio schiarisce il buio tempesta diamanti tempesta di diamanti sogno sogno sordo memoria sogno sordo della mia memoria vento silenzio vento del silenzio ricordo ricordo lucente tu principio assente principio assente sussulto sussurro sussulto mancato sussurro sprecato sussurro sciupato sciupato suono amplifica suono bolla senso la bolla del senso temeraria principessa divina principessa melodia melodico accenno melodico accenno stonato stonato melodico accenno stonato squillo assordante squillo assordante preludio adagio flebile adagio flebile adagio flebile con sentimento sentimento scale scale del tempo ascendente scale ascendenti mille diademi diademi maledetto maledetti mille diademi maledetti splendida luce viva biblico cantico cantico dei cantici sposa del biblico cantico cantico cantico antico torre torre di gaudio gaudio maestosa torre di gaudio maestosa avorio denti denti lucenti avorio dei denti lucenti progenie del fato dilettissima progenie del fato dilettissima occhio d’incanto occhio incantato ammaliatrice circe canto di circe ammaliatrice maga maga ammaliatrice come maga tramutazione tramutazione sensi bestiole dolci dolci bestiole lirica pizzica lira lira pizzica il tuo spirito lira pizzica l’alma mia lirica pizzica l’anima lira pizzica l’anima mia anima mia perduta in te perduto in te luna riflesso riflesso di luna riflesso di luna posata alma anima specchi infiniti amarena assenzio amarena e assenzio le tue labbra labbra assenzio labbra amarena leziose labbra leziose ambrosia mirtilli nettare labbra ambrosia labbra mirtilli labbra nettare ovunque risuona il tuo nome dea perfettissima perfettissima ti penso silente tutto ombra tua ombra d’amore perso ardore tiepido ardore sorriso sorriso accennato sorriso appena appena accennato sboccia il sorriso penna fumo tua assente dolcissima capretta capretta arcadica furente apparenza furente appari furente stelle sidereo manto sidereo manto mantice vello assiomi scardinamento assiomi scardinati scardinati parole verbo verbo muto motivo motivo antico motivo e luce del mio suono vestigio vestibolo vestigio d’incenso incenso terribilmente assente immago fugace assoluto immago fugace d’assoluto senso ultimo dell’esistenza sovrana capretta cortese cortese lirica lirica alabastrina respiri respiri arcadici arcadia vivaci accenni accenni tempi ortensie zagare gelsi viole simboli sottesi simboli sottesi mutamento mutamento statico mutamento statico perfetto riluce traluce storia quanto mi prendi vaneggio tutta stupenda vaneggio che non fu desio desio speranzoso sboccia verdura anzi tempo respiro d’inverno onda sottile onda sobborghi sobborghi dell’esistenza rosmarino senso di tutto e tutto ad un tempo sogno desto tripudio tripudio di suoni tripudio di suoni è il tuo nome cenno periodo sospeso periodo ode sguardo onde all’altrove ode altrove ode dell’altrove altrove essenza fulgida fulgida essenza fulgida essenza cromatica risveglio notturno notturno fragore trastullo trastullo d’intelletto fiore più candido fiore più candido del giardino del mio cuore canone inverso comporre sordo chiarore musicale ultima tempesta ultima tempesta della mia ultima volontà canticchiare canticchiare balbettante come latte amarena boschiva latte amarena boschiva

permalink | inviato da Dichter il 5/2/2016 alle 8:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 gennaio 2016

Seduta ai bordi del domani

           

Seduta ai bordi del domani

sorseggi l’ultima

verità

antica

e sola nella notte

nuda

che

respira come chi

rispecchia stelle e

ha perso il sonno e i sogni

nel via vai

di pagine

ingiallite

 

sei lo specchio del futuro

e il volto

che

non cerca

assetato

e vive come l’ombra del passato

 

pioggia

sullo sfondo.

 

E appari lucida

le spalle alla rinfusa

coperta dagli assensi

come avverbi

datati

e tanto magici inviolati

 

così respiri

la speranza del perché.

Poi chiedi

l’ultima gasata

del sogno senza sostanza

né apparenza

ma vivido

come linea melodica

ascendente

e soffio di questa vita

 

consistenza nella inconsistenza.

 

Sei tu alma mia

sei tu il confine

tra bolle di vetro

e consonanti

stili e rese

paradossi

e viole

di cui sai.

 

8 ottobre 2015

Succubi alla profezia

           

Succubi alla profezia

si partiva,

centomila armate schierate,

marce e petti impostati,

rami d'ulivo

e palme tra le mani,

 

all'improvviso il cataclisma planetario,

l'infinità dei mondi

ridotta a circolo delimitato

dall'invettiva,

dall'inventiva femminea.

 

Nel tempio di Delfi

la comunità di Filadelfia lesse,

i copti intralciati dalla Maddalena,

intimamente riapparve Atlantide,

con nocumento,

gli dei torneranno,

sono tornati

o stanno avanzando.

 

Nella Città Eterna

fu un lampo a scatenar la foga,

in un solo istante

fu riacceso il fuoco di Vesta,

 

due metallare in un angolino

a fumare,

tre scuotimenti emo

a tagliuzzare i resti artificiali

del domani,

a riaccordarli,

a incollarli ad uso collage dadaista,

 

sembra che sia sublimato

il punto alternativo di vista.

 

Nella volta celeste

diversi segni luminosi ingannevoli,

nella stratosfera i caccia americani

si accostano e implodono

ad uso cheeseburger,

bevanda e patatine

ovviamente comprese.

 

Infine lungo il corso

si sviluppa l'apocalisse,

tra le caldarroste

e gli artisti di strada,

 

spiazza l'iceberg inflitto

a colpo d'ascia

della scienza spiritica

congiunta in sezione aurea

alla naturale.

4 ottobre 2015

Sonata

 

Due bestiole si presentano,

che graziose, che portamento,

che quiete sentir il fermento muto,

l'incanto, il canto tuo, è così sublime

(e sei col libro chiuso).

Sembra quasi la musica

non si percepisca,

solo un lontano bagliore tonale,

è un'arpa rinascimentale,

un inciso spirituale.

Il risveglio fischiettante dei folletti,

con gli intenti furbetti,

dolce fiaba emo,

tra Selene fremo,

Eos avanza, che temperanza,

la giostra gira cara ragazza

nel carillon protetta,

cardigan, 

sia benedetta la tua faccetta.

In punta di piedi

tra viali scoscesi

saliamo i gradini,

sfidiamo gli altarini vicini

vicini, scansiamo il nemico

e facciam l'occhiolino

e tu danzi avvinghiata

a te stessa sotto le stelle,

dio mio che splendore!

L'acconciatura francese

ti sfiora la palpebra distratta,

allora oscilli trottolina vorticosa

e scomposta,

dionisiacamente risorta.

Ciclo naturale

e metempsicosi corporale,

batto i tre quarti,

figura perfetta e stellata

da musichetta pitagorica,

le etalage di turno

congiunte in Saturno

hanno la luna storta

e contorta.

Il meridiano divide il limone

in atteggiamento sospetto,

in dolce compagnia sul letto

aspro e strisciante,

la corda pizzica ancora

come formaggio l'asola.

E c'è una festa in piazza,

si sente dalla terrazza,

più altera va la ragazza.

La spola fan tre o quattro

appostati sotto il palco autunnale,

il vento soffia,

l'amplificatore, la spina, le cuffie,

il motore.

E poi gli stralci,

sonetti o minuetti,

il maestro si sbatacchia,

poi vede la ragazza,

non è distrazione

ma entrar nel vivo della questione.

La musica infatti avanza,

avvitamenti,

piroette maledette,

odore di fumo, sbuffa la pipa

all'inverso.

Siamo ancora all'inizio,

ne passeranno di ponti

sott'acqua, archi romani sprofondati

e corrosi dal flusso,

il maestro spettinato

indossa il cirro stonato,

copricapo lodato, disimparato,

frastornato e sciupato.

Vai in re minore,

te lo aspetti,

non sei dodecafonico,

allora l'orchestra sbadiglia,

pastarella e amarena stanca,

vorrebbe inchinarsi per sopirsi,

il pubblico bivacca,

divora le note indigeste,

scucite e scandite

dal ticchettio di novena ripiena.

Eccolo,

entra in scena,

proprio mancava, l'assicurato

impresario che lancia in aria

i tre danari, mette da parte

e investe i talenti

ad uso contadinello ottuso

ed imbevuto di pesticida laureato,

di sandalo arricchito e deluso.

La ragazza sonata si ribella

alla disfatta, gambe all'aria,

è tutta fatta,

affonderà col transatlantico,

vicino mio dio,

l'incubo mio,

tra le fauci del coccodrillo

riversa sincera la chimera

e le partiture, tutte le arsure

e le violette infine.

Mi alzo dal letto al frastuono,

il pragmatismo ha svilito il suono

docile e contemplativo,

l'anima e lo spirito si ribellano

ad un corpo che non vuole piegarsi

ad essere semplice contenitore

e strumento dell'una e dell'altro.

E scorgo lontano,

la vista aguzzo,

dicevo scorgo un lamento

materializzato di un mondo eclissato,

un mondo lontano e ovattato.

Poi uno scalpitio,

il mendicante ritratto,

armato di bastone,

nell'incedere distrae.

Folle, folle,

folle il venditore,

freme, freme,

freme la bancarella,

fruga, fruga,

fruga sotto il suo velo.

Il nostro cuore è l'ultimo rumore,

il vento ancora più forte respira affannato,

mi hai già dimenticato? Ma dai,

eri colà poco fa.

Che cosa diresti al mio posto,

fischietti e mi ignori,

padrona dell'oblio notturno.

Cambio di scena repentino,

la ragazza mi riabbraccia,

cade in trance,

cade in estasi mistica,

in un attimo è trafitta dal dardo d'amore,

il fanciullino alato ha di nuovo vinto

e perverso è il seguito...

Va tra le note di nuovo,

godi la musical vitalità,

vai spogliati,

leva le lineette nere,

bianco il foglio dipingiamo

ed annotiamo.

Che carina la mantellina

incrinata sul ruscello,

mi guardi fissa e risplendi,

mi copri il labbro e la tua bocca sfiora

la mia fronte, la mente in refrigerio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sonata bestiole grazia celtica fermento muto incanto canto libro chiuso musica percezione bagliore tonale bagliore tonale aepa arpa rinascimentale inciso spirituale inciso risveglio fischiettante furetti folletti furbetti metallare ballare pogare emo tagliuzzati tagliuzzate vene zigzagate selene fremo eos temperanza giostra carillon cardigan dolce ragazza in punta di piedi viali scoscesi danza avvinghiata acconciatura francese palpebra distratta trottolina vorticosa dionisicamente risorta dioniso ciclo corporale metafisica metapsichica metempsicosi spirituale tre quarti batto i tre quarti figura perfetta stellata musichetta pitagorica opera 23 opera IX etalage saturno luna storta congiunzione meridiano limone erba aspro strisciante corde pizzica asola festa piazza altera ragazza amplificatore spina cuffie motore stralci sonetti minuetti sbatacchia sbatacchiare maestro spettinato accorda discorda dissonanza magnetica dissonanza armonica piroette fumo pipa sbuffo mordace inverso sbuffa inversa cirro stonato cirri copricapo lodato disimparato frastornato sciupato re minore dodecafonico dodecafonica orchestra orchestruola orchestra sbadiglia note indigeste note esponenziali turusu impresario denari danari tre pesticida laureato sandalo arricchito deluso mondschein sonate mondscheinsonate ragazza tutta fatta sonata ragazza gambe all’aria transatlantico fauci coccodrillo chimera partiture mezzacoda docile contemplativo mondo eclissato mendicante ritratto folle venditore fruga ultimo rumore il nostro palpito è l’ultimo rumore oblio notturno dardo d’amore dardo saetta furbetta mente in refrigerio ruscello senso mio mia respiro senso d’assoluto

permalink | inviato da Dichter il 4/10/2015 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo