.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

19 febbraio 2016

E tu

           

E

tu

sull'approssimarsi

dell'onomastica aurora,

della topomastica tua indecisa ora,

mi guardavi senza saper più

dell'onirica mia dignità

nel livido stile tra vita e realtà,

fumante e controverso il decorso

della sicula spiaggia

che pone al folle sbarco

dei giovani e forti

tre spietate verità nascoste,

senza dirlo arriva il momento

del tuo manto che incute al vento

la sua traccia di sincerità,

mentre tu continui ancora a guardare.

Conoscevi

in fondo

più di quanto credevi,

sapevi eclissare le parole

con due algebriche intenzioni,

seduta in sul crinale del muretto,

scorgi una disfida a Caporetto

e segni col dito un'austera parola

che come sabbia mentre ascolti

ti divora,

 

io chi sono e tu chi sei?

 

Beh è vero,

io ci avrei pensato come feci

divorando la realtà caprina

e illogica del tuo profilo,

avendo spasmi folli in digestione,

occultavi segnali e mi stringevi

strizzando l'occhio,

era il traguardo ma più sconvolto.

Intanto tu a sorseggiar passaggi

con schiuma marine e tennens ad oltranza,

con l'oltraggio mai commesso

che senza il tuo impronunciabile suono

era il volto della nuova stagione.

 

Io non scordo chi ha avuto

un meandro di posto ardente.

 

Beh è vero, io avrei vissuto

per qualche giorno senza alcuna

coscienza di me stesso

se solo tu, oddio così!,

se avessi soffermato il tuo repentino sguardo.

Cosa farei nel presente

con il passato stracolmo d'incenso

e il futuro degli estivi baci d'inverno,

mi avresti ispirata te

del quale nome poco fa parlai,

ti avrei baciata dunque e lo sai.

Hai forse

freddo

se senti la pressione calare,

avremmo entrambi avuto paura,

avremmo entrambi posto sorriso

di sfida

in essere estatico e prolisso,

avendo paura che faccia giorno

occultami nella tua borsetta

sporgendo la mano intrisa di remore,

stritola foglie e scrivimi di parole,

con sguardo inclinato e basso sul diario,

con sguardo perso nel volume del senso,

è luglio e il sole non tramonta mai.

Ti prego,

 

non chiedermi come mi chiamo.

 

Beh è vero, io un pensierino

tra il colle divino l'avrei fatto,

ti avrei posta come regina

sulla sommità più alta

della mia stessa spina

che mi buca le vene.

 

Sai per caso che ora è?

Guarda un po', penso a te

stasera,

e ho bisogno del tuo volto,

dei tuoi polsi, delle tue gambe,

di odorare la tua essenza

per nutrirmi di vita intrepida

e traballante,

puoi pure lasciarmi il tuo numero

inciso sullo specchio col rossetto,

puoi pure, fallo con ritegno ribelle,

fallo pure prima che sorga il sole.

E non mi credi se ti dico che mi sono

innamorato,

non mi credi se ti dico che il flusso

di queste lettere è per te,

non mi credi se ti dico sul serio,

sono io, sono sincero.

E se anche mi stai pensando

cercami

tra i sogni tuoi mai dimenticati,

tra le frasi perse in un libro,

tra la metrica e il suono ghiacciato

di partiture fitte come il passato.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. E tu tu onomastica aurora nomoteta onomastica aurora respiro dell’auroa respiro d’assoluto caporetto giovani e forti mille sapri spigolatrice di sapri carpi indecisa indecisa ora tempo fluttuate passato ricolmo d’incenso partiture partiture fitte partiture passate partiture fisse partiture fitte come il passato partiture fitte passato topomastica topomastica ora topomastica ora indecisa onirica onirico dignità onirica dignità aleatoria stile livido faceto stile livido allegoria pulsante allegoria pulsante tra vita e realtà vita realtà sospensione sospensione congiunta parco discorso fumante discorso notti bianche vecchie storie fumanti assiduo trastullo dialettico trastullo dialettico refrigerio refrigerio della mente fumante decorso fumante controversia fumante controverso discorso dialettica effimera spiaggia d’autunno mare d’inverno sicula spiaggia in sulla riva del mare folle sbarco folle volo sbarco cruciale manto vello vello impresso alma alma serafica schiuma postillosa postillosa prolissa achille piè veloce nel coraggio di achille le rotelle sezione aurea ulissico traccia di sincerità eclissare parole parole eclissate trobar clus algebrica algebrica paonazza algebriche intenzioni ondulazioni sublimi sublimazione crinale seduta sul crinale seduta in sul crinale parola austera ragazza altera io chi sono e tu chi sei realtà caprina illogicità del profilo illogico profilo smosso profilo smosso sfracco stracco sfiancato spasmi folli ipotesi astruse ipotesi astruse sul tuo polso schiuma marina spuma marina tennens ad oltranza suono impronunciabile volto nuova stagione frammenti di futuro volto di una nuova stagione meandro posto ardente meandro nel posto ardente arsura dialettica repentino sguardo fiero suguardo apoteosi del senso apoteosi assurdità ridicolità passato stracolmo d’incenso baci estivi estivi baci d’inverno umido della parete essere essente essenza essentia estasi estatica etica etilica estaticità prolissa essere estatico prolisso occultami nella borsetta mascara dolce leziosia dissolta leziosia leziosia dell’anima stritola fogli stritolati fogli maciullati fogli scrivi parole stritola fogli e scrivi parole indelebile gesso acrilico volume del senso libro della formazione sguardo perso sguardo perso nel volume del senso colle divino divinità paonazza spina mia stessa spina spina che buca le vene tuo volto tuo polso tue gambe vita intrepida nutrimento dell’anima vita traballante vita intrepida traballante numero inciso sullo specchio col rossetto numero scritto col rossetto numero specchio rossetto ritegno ribelle fluso mnemonico flusso coscienziale flusso di coscienza scribazione sogni dimenticati cercami tra i sogni dimenticati cercami tra i sogni mai dimenticati sogni mai dimenticati coscienziale transustanziazione amorosa frasi perse di un libro libro frasi perse cercami tra le frasi perse di un libro cercami tra la metrica cercami tra il suono cercami tra partiture cercami tra partiture fitte come il passato cercami cercami tra il suono ghiacciato suono ghiacciato cercami tra il suono ghiacciato di partiture fitte come il passato metrica sovversione esistenziale

permalink | inviato da Dichter il 19/2/2016 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

8 ottobre 2015

Succubi alla profezia

           

Succubi alla profezia

si partiva,

centomila armate schierate,

marce e petti impostati,

rami d'ulivo

e palme tra le mani,

 

all'improvviso il cataclisma planetario,

l'infinità dei mondi

ridotta a circolo delimitato

dall'invettiva,

dall'inventiva femminea.

 

Nel tempio di Delfi

la comunità di Filadelfia lesse,

i copti intralciati dalla Maddalena,

intimamente riapparve Atlantide,

con nocumento,

gli dei torneranno,

sono tornati

o stanno avanzando.

 

Nella Città Eterna

fu un lampo a scatenar la foga,

in un solo istante

fu riacceso il fuoco di Vesta,

 

due metallare in un angolino

a fumare,

tre scuotimenti emo

a tagliuzzare i resti artificiali

del domani,

a riaccordarli,

a incollarli ad uso collage dadaista,

 

sembra che sia sublimato

il punto alternativo di vista.

 

Nella volta celeste

diversi segni luminosi ingannevoli,

nella stratosfera i caccia americani

si accostano e implodono

ad uso cheeseburger,

bevanda e patatine

ovviamente comprese.

 

Infine lungo il corso

si sviluppa l'apocalisse,

tra le caldarroste

e gli artisti di strada,

 

spiazza l'iceberg inflitto

a colpo d'ascia

della scienza spiritica

congiunta in sezione aurea

alla naturale.

12 agosto 2015

L'imperatrice

           

Plasma un destriero indomito
da auriga folle,
da corsaro suadente
di flutti scossi
dalle redini turbate

Gli occhi speculari
di metilene
nella mente di siriaci
dalle grazie celtiche
prostrate al vento
e in panistica unità
con la natura

In selve distorte
tra laghi di immane
gaudio
riposa il tuo velo sospeso:
eternità di roccia
silicio effimero
ma possente

Nella radura la tua gemma
al collo
verde d'assenzio
e variopinta di smeraldi
come calice goduto
come piattaforma di pensiero
fugace

I Fenici
scaltri
tra le rovine di Tebe
e tu in trono
nel firmamento austero
di sogni diurni
di paste statiche
e leziose
come miele,
dolce fiele
negli assedi,
ventura dei portenti,
gioia dei nemici,
emblema della celere
battaglia

In un dissipare di luci
e in un sormontante anelito
dimesso
da soave spuma marina
o da effige divina
numismatica
sorta
trapassata
come liquame
anzi vapore
tra le pareti
umido delle scale
odore incantevole della pioggia

I templi
eretti per te
mistero delle immagini
infinite
di un così vasto ardore
che invade gli animi

Lo spirito
che giace sovrano
sul tuo corpo
carezza le spalle
inumidisce i capelli
dà madore alla pelle

Tu
incauta folla di stupore
ondaccolo della luce
intorpidito bastione
di stratagemmi bellici

Per te le forze cosmiche
lottano
e ai tuoi piedi
l'ultimo anelito cedono

Tu sola collo sguardo
incanti i viaggiatori stanchi
dall'assedio pittoresco

Immergi dentro te
e esponi declinando
con tre parole
l'umanità intera

Dialettica degli opposti,
punto d'armonia assoluta,
il verbo si arresta
dinanzi al tuo apparire

Ma non vive
il tuo respiro
tra spasimi incessanti
di una vittoria
delle foglie incaute
sulle piante

La clorofilla di te
ti dà la forza
di anguste intromissioni
tra quel che è vero
e quello ormai silente

Genesi effimera del volto
lo sguardo intermittente
di te stessa
rivolto verso candidi pensieri
e impure come ieri
le giornate

Bisognerebbe avere la passione
di dire cose da
bestiole che
in te trovano riposo
in te trovano ristoro
nel muover delle mani si stupiscono
ed estroverse si smarriscono

Per conquistarti un soldato
avrebbe invaso
l'Egitto in un attimo svogliato
crollando Alessandria ai suoi piedi
in vana voglia
coi libri intrepidi tra le rive
auguste di potenza
del Nilo trasmigrato in Stige nubiloso

Ma poi il combattente
slegando i lacci del mantello
perdendo la croce e il suo cappello
distrutto ai tuoi piedi
pel rifiuto

L'imperatrice sei tu
io te lo sussurro
sfogliando il volume
sul Volturno
in una piazza incauta del mistero
che la costellazione col tuo nome
cede a Mercurio

E per conquistarti
un alchimista dorato
si è venduto
l'alambicco ed il suo stato
sguazzando nel protocollo di Bisanzio
e giocandosi i tarocchi senza sosta
e senza la tua effige

Sei tu l'Imperatrice
di quelle terre indoeuropee
della tundra sterminata
della scalata verso
il Mare Nostrum

La mappa mostra il tabernacolo
l'alchimista la sfoglia e non ti trova
ti perde nella pietra mistica
nella battaglia di Lepanto

Dov'è il tuo trono e la corona
se s'inchinano i condottieri e i maghi
non senti nelle vene il marchingegno
divino

E capisci ciò che forse non hai letto
e sospendi ciò che forse
non ti sei chiesta
nove gradi nel pianeta ascendente
sul tuo Liocorno


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Plasmare plasmare il divino occhi divini destriero indomito auriga folle platonico dissenso corsaro suadente redini turbate prosa lirica occhi speculari occhi di metilene frammento etereo cobalto cuore siriaci scaltri rovine di tebe battaglia di lepanto grazia celtica siriaci celti panistica unità panismo natura somma selve distorte laghi di gaudio immane gaudio velo sospeso imperatrice tarocchi assonanza mistica eternità di roccia roccia eterna silicio effimero silicio possente spiagge perdute strade perdute lacustre ingegno volume volturno gemma al collo assenzio possente assenzio smeraldi variopinta agghindata di sole pallida luna sentimento eterno calice goduto giovanni di rubba calice infinito viola del pensiero smalto lilla fenici scaltri firmamento austero sogni diurni paste statiche comincia l’infinito miele lezioso dolce fiele fiele ventura dei portenti emblema celere battaglia luci dissipate dissipare di luci anelito dimesso anelito del mare riattraversare il mare soave spuma marina spuma marina numismatica numismatica trasparenza effige divina effige numismatica liquame vapore umido delle scale odore della pioggia incanto odore incantevole della pioggia templi eretti mater magister magus mistero immagini immagini infinite spirito sovrano spirito giace sovrano logos stanziale logos carezza pelle madore carezza spalle inumidisce capelli brigith brigit brigida incauta folla incauta folla di stupore ondaccolo della luce ondaccolo respiro assente ondaccolo dei vini bastione bastione intorpidito stratagemmi bellici forze cosmiche ai piedi del divino l’ultimo anelito cedere viaggiatori stanchi cavaliere errante assedio pittoresco tre parole unità intera umanità intera essere l’essente in sé vissuto dialettica degli opposti dialettica etimologica punto d’armonia punto d’assoluto punto d’armonia assoluto verbo apparenza verbo si arresta in manifestazione verbo si arresta innanzi il tuo apparire furiosa estasi del ricordo sezione aurea centro scindibile spasimi incessanti clorofilla nelle vene foglie incaute anguste intromissioni tra vero e silente genesi effimera genesi del volto sguardo intermittente 4 settembre candidi pensieri impuri ossimorica dialettica dialettica scarna sublimata muovere le mani estroverse smarrite questioni dialettiche nilo trasmigrare stige nubiloso nubiloso stige acheronte lacci del mantello alambicco stato chimico status piazza incauta incauto mistero piazza incauta del mistero costellazione col tuo nome mercurio hermes ermes cassiopea protocollo di bisanzio terre indoeuropee tabernacolo tabernacolo mondo cartina tundra sterminata mare nostrum mar baltico achille pelide beowulf pietra mistica condottieri maghi marchingegno divino timido bardo annova nove gradi pianeta ascendente liocorno sospiro assoluto sospiro d’assoluto punto indivisibile eterno assoluto mutevolezza dialettica respiro soffice fedeli d’amore stasi mistica contemplazione amplettica amplettica divino delle cose divino nelle cose trinità duale

permalink | inviato da Dichter il 12/8/2015 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo