.
Annunci online

 
dichter 
Giovanni Di Rubba
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca

BLOG "http://dichter.ilcannocchiale.it/", AUTORE DEL BLOG DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA. GLI SCRITTI, IN LIRICA ED IN PROSA, PRESENTI IN QUESTO BLOG SONO OPERA DELL'AUTORE DEL BLOG, DOTTOR GIOVANNI DI RUBBA, E DI SUA PROPRIETÀ.


 

diario |
 
Diario
1visite.

30 agosto 2015

Romanzo secondo

           

Dove sei,

anima mia dolce

ed elettiva,

tu che crei virtù

dai vaneggiamenti miei decadenti?

 

Dov'è il tuo stile

oscuro e fascinoso

da brivido

ed ora da dimenticare

tra le tenebre del mondo

nostro senza noi

e senza ciò che

rendeva fantastico

il discorso

articolato

tra pallidi amori perduti?

 

La luce nei tuoi occhi

chiara in risvolto tracotante

tutta da veste arricciata

e stupita,

abbrividita

dalle parole di fuoco

scese sul tuo corpo,

l’unico importante,

dimentico di ogni realtà

e verità trascendente,

solo ardente.

 

Mi manca il tuo dondolio,

il cocktail senza ghiaccio in estate.

 

Mentre fumo la penna sguscia

e l'immagine si forma intatta

sulla tua pelle,

sei la mia poesia e le stelle,

nell'ombra respiro

e l'aria trasuda di te,

della tua follia,

del tuo sguardo acceso,

del nichilismo.

 

Pomigliano nell'aurora,

occhi che non so

decifrare piccola e suadente,

 gotico albore,

dopotutto resto a guardare

i tuoi cirri alla prima luce del mattino

tanto impressi

nella mia memoria,

le tue mani,

le tue mani aggrondanti la luna

nel tempo dall’umidio folle

di mille prati agghindati dal vento

del tuo nome superbo

 

il mio volto ancora ad accarezzare

tra la penombra

impresso vivido nella mente

come se non ci fosse altro

da ammirare

come se disimparassi in un tempo

ogni vagheggio

concreto

nel tuo etereo essere

concreta

con la noia a due palmi

e i dolci fiori

della stagione

delle tue parole,

principessa

vocetta inespressa

inaudita

e risonante melodie

parlate in sussurro

al risveglio del mio sogno

desto,

 

non ci dormo tenerella

tutta stupenda!

23 agosto 2015

Nome tempestoso

           

Accorata

come quando di notte

il ricordo sfuma

tenebra dolce tra languidi selciati

dimessi e infuocati

stridenti al pensiero

del mare in tempesta,

svolta imprevista,

 

e tutto il resto sale

inabissato

e sbiadito

dal tuo nome

che ovunque risuona

in soavità

 principessa

di zeffiro e diamanti.

 

Le guance e il pallore

del viso

ritaglio stupito,

il gaudente fiato

del cielo

stellato

è manto inaudito

 

e tu spumeggi

 

mia solita rissa diletta

e sconnessa,

 

sei tu luce dimessa,

forma accorata

ed impronta magicamente

impressa

tra la parete e la finestra.

 

Il nome tempestoso pronuncio

e non  dico.

19 agosto 2015

Acustico intruglio

 (Marcel Duchamp - Nude descendant un escalier n. 2, 1912 – Olio su tela, 147.5 x 89 cm., Philadelphia, The Philadelphia Museum of Art)

 

 

 

Acustico intruglio nella notte,

lunare influsso sulla soglia del tempo,

poi sonnambuli pensieri,

destrieri rapidi.

Dammi l'attacco,

tra piatto e patto.

Sì.

Sona il bel sì,

d'oc, d'oil, d'oui,

cortese l'arnese,

Paride ed Eva, guanta na mela,

Guantanamera

Patroclo e Beowulf,

iena, lupo e leone,

indugio burino sbarazzino,

goccia perforante e claudicante,

dissetante, piangente, petalo brinoso

incandescente, borioso, bucolico,

georgico pizzetto.

Vai così,

ancora il sì,

paese violato, masticato,

bile il giornale nomato libero,

l'eurodance, i Gigi di turno

pop, dance e topini,

accigliati al piano, alle tastiere,

alle groviere,

dimmi mai o cosa fai,

la scrivente si arresta e vai a capo,

burumbum cià,

annebbiata scolaretta

nella vendetta,

l'ayatollah torchio di vendemmia,

tutto è ben quel che finisce in mi,

bufera russa o capricciosa,

rivoltosa ottombrina porpora,

zarina, cesarea,

Alessandria paludosa,

stop uno.

Movimento compulsivo,

pensiero ossessivo,

ritmo assordante

ed estatico ondulante,

pentateuco e pentagramma

cabalistico, sufismo

e panpsichismo,

percezione aumentata,

esponenziale mescalina,

astrale vite.

Lento, sh,

lento sh.

Un silenzio lo faran i papaveri,

il cemento.

Riprende, non arrestarti,

ribellati il sistema,

kantiano imperativo categorico

kierkegaardiano calar le palpebre,

recitar, il personaggio,

gioco dei ruoli,

gioco di ruolo,

gioco di parte,

Bercoglioni,

gioco delle parti,

il Vaticano.

Silenzio, ancora.

Bum!

Il pupazzo in viaggio.

Il ritorno etereo.

Il rimorso sulfureo.

Acqua distillata.

Olio e combustibile ligneo.

Classificazione enciclopedica.

Semitica semiotica e semiosi virale.

Attacco micidiale.

Falsificazioni e fornicazioni.

Formiche laboriose,

il sessantotto e le cicale.

Poi le scale.

Trasfert l'Rna.

Mitocondriale il respiro

e il nutrimento clorofillico.

Poi...

stop

secondo e terzo finale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. intruglio amore musicalità atono policromo acustico intruglio acustica scala reset notte voce e notte influsso lunare influsso selenico selene mix composito esaustivo bagliore assurdo bagliore amore catarifrangente giovanni di rubba tempo soglia del tempo varco varco esistenziale pensieri sonnambuli rapidi destrieri attacco piatto patto pacta sunt servanda percussioni fiati aria area delimitazione estrinseca bel sì d’oc d’oil d’oui fin amore amore cortese cortese gentile arnese cortese paride eva atena pallade minerva artemide afrodite venere venus era giunone tradimento guantanamera guanta na mela mela malus pomo fico conoscenza albero della conoscenza eos eris wiesbaden patroclo beowulf pelide criseide briseide carro alato iena lupo leone jena tubinga pizza fritta indugio indugio burino burino sbarazzino indugio burino sbarazzino mar baltico mar egeo mar ionio antropologia scucita promissioni profusioni do si7 goccia perforante claudicante apokolokyntosis bercoglioni cola di renzi petalo brinoso brinoso borioso bucolico georgico georgico pizzetto capra pastore arcadia et in arcadia ego il bel sì sona paese violato italico popolo italico popolo oltraggiato buffoni di camera bile bile il giornale libero eurodence gigi topo topini anice sorgente accigliati al piano pop dance dub ska scrivente burubum cià a capo effe alla riportasi annebbiata scolaretta vendetta ayatollah torchio torchio di vendetta ottombrina rivolta ottombrina zarina cesarea alessandri paludosa stop stop uno uno eterno movimento compulsivo ritmo assordante pensiero compulsivo estatico pensiero pensiero intrusivo estetico estatico ondulante estatico ondulate macchie a cazzo pentagramma macchie pentagramma pentateuco cabalistico cabala sufismo panpsichismo le porte della percezione mescalina percezione aumentata percezione esponenziale mescalina esponenziale vita astrale corpo astrale duchamp lento moda del lento sh silenzio papaveri flora fauna cemento ribellati sistema ribellione al sistema kantiano imperativo categorico kierkegaardiano calar di palpebre kierkegaard kant recitazione personaggio gioco delle parti gioco di parte gioco di ruolo teoria dei giochi gioco dei ruoli vaticano pupazzo in viaggio pupazzo etereo ritorno rimorso sulfureo acque solforose avvelenate combustibile ligneo classificazione enciclopedica semitica semiotica semiosi semiosi virale attacco micidiale fornicazioni formicazioni sessantotto cicale formiche laboriose rna transfert respiro mitocondriale nutrimento clorofillico nudo che scende le scale dada secondo e terzo finale

permalink | inviato da Dichter il 19/8/2015 alle 10:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 agosto 2015

Wieisbaden

           

Ametista e opale
congiunti sulle scale,
ascende dolcemente
colei che protegge
il dono divino,
la misericordia,
carminio il vestitino.

Ok, pian piano,
druidetta furbetta
guarda i tuoi occhi.

Che bello,
scartiamo i ricordi,
che bello,
manteniamoci ai bordi,
bellina stridente,
visino invitante,
seducente.

Appoggiamoci su quel muretto,
hai le labbra che non so risolvere,
ponenti, ardenti e vezzeggiate,
l' albatros è un po' inutile,
diciamo manca in concretezza,
meglio il vino se vuoi Baudelaire,
dai si ubriachiamoci di qualcosa,
tè corretto e sciupaletto,
fraintendimento e capitale
del tuo Land,
ti manca l'università,
due giri in terma,
scientifico aforisma pliniano,
ansia anzi panico
dimenticato.

Andiamo su per monti,
giù per ditirambi stolti,
che freddo stringimi un po'
anzi mettiti di lato,
obliquo e un po' svogliato,
sulle scogliere dei ricordi,
calcare sulle rocce bianche,
voglia di gabbro, di basalto,
oh ti garba! Parla a tu per tu,
Uh Abat-Jour ! Diffondi il cardigan.
In scivoli e altalene,
mania d'elevazione,
paura dell'abisso in discesa,
ondeggiamento, buttiamoci sul letto!

Che stupida,
ed io ti do anche ragione,
specchio dell'oblio, pluripersonale,
immotivato, gioia impersonale,
collera e desiderio.
Astuta e quasi perfettamente
sconosciuta, amica arresa,
io bitume ignorato,
vai brucia 'sto straccio,
benzina e cherosene.
Camice e saccarosio
nell'assenzio, squallido silenzio.

Facciamo un tuffo,
trattieni il fiato,
leggi o fingi,
sei stupenda uguale,
il primo passo lo fan i capelli,
sfiorano astuti bombardamenti,
fragore,
fervore
e fragrante,
l'albero nasce dal frutto,
ricorda il fine è più importante
del generatore, ciliegina ibernica
e squisita,
io non posso far altro
che ammirarti, fossilizzarmi
nel guardarti, restare muto
ore ed ore, il tuo nome
è un rimando,
quattro semiminime, una croma
e due biscrome,
ricotte, precotti, biscotti,
scegli tu la direzione,
l'intrusione,
l'effusione eventuale,
bellina al sapor di semplice
grandezza, magniloquenza e speranza.

E il rapporto servo padrone,
dimmi un po' chi è più importante,
l'amata, l'amante
o forse lo sguardo intrigante,
lode a sé, per sé e di sé,
uh che fiorellino,
freschezza del mattino,
uh lo dico ancora,
per te.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ametista opale scale spirito nasino congiunzione spirituale colei che protegge land capitale wieisbaden dono divino carminio carminio vestito aissa druido druidetta druidetta furbetta celtico celtica assonanza foresta nera centro inscindibile ricordi ricordi scartati fumo sulle scale per te stridente bellina stridente vortice del ricordo collocamento collocamento velato labbra irrisolte schiuma dialettica ponenti ardenti vezzeggianti albatros baudelaire ubriachiamoci tea tè corretto sciupaletto veduta abissale mandria ascesa scalare università plinio terme pliniane aforisma aforisma sintetico aforisma pliniano sale sulle scale ansia panizo anzi anzi la venuta oblio oblio assordante rosso ditirambico fuggitivo stolto assolo scogliere scogliere dei ricordi calcare rocce bianche gabbro basalto garbo attrice attrice d’un tempo abat jour errore errore dialettico sognando te tralucida tralucida in copertina cinabro dei capelli cinabrici cinambro assia scivoli altalene altalenanti profusioni scoloriture amo tibi oblio oblio scosceso immotivato impersonale pluridirezionale senal stupenda perfetta amata per sempre for ever for ever and ever cardigan un nuovo cardigan gioia impersonale amante stolto silenzio bitume bitume ignorato incendio luglio 2001 estate prima visione innamoramento eterno innamoramento folle collera desiderio anarchica suadente anarchica ribelle astuta perfettamente sconosciuta quasi no delirante amore benzina cherosene camice saccarosio assenzio squallido silenzio non ti dimentico ti amo da qui per sempre leggi fingi sogni astuti bombardamenti labbra stupende occhi sublimi ciliegina ibernica squisita semiminime quattro semiminime una croma croma due biscrome biscromo cromatica cromatica perfetto colore del suono grandezza magniloquenza speranza intrusione effusione eventuale ditirambi stolti monti su per monti ossa fredda cuore tenebroso entusiamo smorto scogliere scogliere dei ricordi abisso discesa sull’abisso incontro al bivio occhi lucenti torna indietro tornerai abisso in discesa dolci sogni dolce viaggio mania d’elevazione solo rapporto servo padrone amato amante lontano nel tempo tempo tempo dimenticato fossilizzati fossilizzarmi arrivederci ammirarti fine generatore fine più importante del generatore ciliegina ciliegina ibernica squisita labbro squisito effusione dei capelli un'altra libertà capelli e bel piede hegel rimando eterno volto tuo stupendo maraviglia meraviglia sguardo intrigante freschezza del mattino per te arrivederci

permalink | inviato da Dichter il 16/8/2015 alle 19:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 agosto 2015

L'imperatrice

           

Plasma un destriero indomito
da auriga folle,
da corsaro suadente
di flutti scossi
dalle redini turbate

Gli occhi speculari
di metilene
nella mente di siriaci
dalle grazie celtiche
prostrate al vento
e in panistica unità
con la natura

In selve distorte
tra laghi di immane
gaudio
riposa il tuo velo sospeso:
eternità di roccia
silicio effimero
ma possente

Nella radura la tua gemma
al collo
verde d'assenzio
e variopinta di smeraldi
come calice goduto
come piattaforma di pensiero
fugace

I Fenici
scaltri
tra le rovine di Tebe
e tu in trono
nel firmamento austero
di sogni diurni
di paste statiche
e leziose
come miele,
dolce fiele
negli assedi,
ventura dei portenti,
gioia dei nemici,
emblema della celere
battaglia

In un dissipare di luci
e in un sormontante anelito
dimesso
da soave spuma marina
o da effige divina
numismatica
sorta
trapassata
come liquame
anzi vapore
tra le pareti
umido delle scale
odore incantevole della pioggia

I templi
eretti per te
mistero delle immagini
infinite
di un così vasto ardore
che invade gli animi

Lo spirito
che giace sovrano
sul tuo corpo
carezza le spalle
inumidisce i capelli
dà madore alla pelle

Tu
incauta folla di stupore
ondaccolo della luce
intorpidito bastione
di stratagemmi bellici

Per te le forze cosmiche
lottano
e ai tuoi piedi
l'ultimo anelito cedono

Tu sola collo sguardo
incanti i viaggiatori stanchi
dall'assedio pittoresco

Immergi dentro te
e esponi declinando
con tre parole
l'umanità intera

Dialettica degli opposti,
punto d'armonia assoluta,
il verbo si arresta
dinanzi al tuo apparire

Ma non vive
il tuo respiro
tra spasimi incessanti
di una vittoria
delle foglie incaute
sulle piante

La clorofilla di te
ti dà la forza
di anguste intromissioni
tra quel che è vero
e quello ormai silente

Genesi effimera del volto
lo sguardo intermittente
di te stessa
rivolto verso candidi pensieri
e impure come ieri
le giornate

Bisognerebbe avere la passione
di dire cose da
bestiole che
in te trovano riposo
in te trovano ristoro
nel muover delle mani si stupiscono
ed estroverse si smarriscono

Per conquistarti un soldato
avrebbe invaso
l'Egitto in un attimo svogliato
crollando Alessandria ai suoi piedi
in vana voglia
coi libri intrepidi tra le rive
auguste di potenza
del Nilo trasmigrato in Stige nubiloso

Ma poi il combattente
slegando i lacci del mantello
perdendo la croce e il suo cappello
distrutto ai tuoi piedi
pel rifiuto

L'imperatrice sei tu
io te lo sussurro
sfogliando il volume
sul Volturno
in una piazza incauta del mistero
che la costellazione col tuo nome
cede a Mercurio

E per conquistarti
un alchimista dorato
si è venduto
l'alambicco ed il suo stato
sguazzando nel protocollo di Bisanzio
e giocandosi i tarocchi senza sosta
e senza la tua effige

Sei tu l'Imperatrice
di quelle terre indoeuropee
della tundra sterminata
della scalata verso
il Mare Nostrum

La mappa mostra il tabernacolo
l'alchimista la sfoglia e non ti trova
ti perde nella pietra mistica
nella battaglia di Lepanto

Dov'è il tuo trono e la corona
se s'inchinano i condottieri e i maghi
non senti nelle vene il marchingegno
divino

E capisci ciò che forse non hai letto
e sospendi ciò che forse
non ti sei chiesta
nove gradi nel pianeta ascendente
sul tuo Liocorno


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Plasmare plasmare il divino occhi divini destriero indomito auriga folle platonico dissenso corsaro suadente redini turbate prosa lirica occhi speculari occhi di metilene frammento etereo cobalto cuore siriaci scaltri rovine di tebe battaglia di lepanto grazia celtica siriaci celti panistica unità panismo natura somma selve distorte laghi di gaudio immane gaudio velo sospeso imperatrice tarocchi assonanza mistica eternità di roccia roccia eterna silicio effimero silicio possente spiagge perdute strade perdute lacustre ingegno volume volturno gemma al collo assenzio possente assenzio smeraldi variopinta agghindata di sole pallida luna sentimento eterno calice goduto giovanni di rubba calice infinito viola del pensiero smalto lilla fenici scaltri firmamento austero sogni diurni paste statiche comincia l’infinito miele lezioso dolce fiele fiele ventura dei portenti emblema celere battaglia luci dissipate dissipare di luci anelito dimesso anelito del mare riattraversare il mare soave spuma marina spuma marina numismatica numismatica trasparenza effige divina effige numismatica liquame vapore umido delle scale odore della pioggia incanto odore incantevole della pioggia templi eretti mater magister magus mistero immagini immagini infinite spirito sovrano spirito giace sovrano logos stanziale logos carezza pelle madore carezza spalle inumidisce capelli brigith brigit brigida incauta folla incauta folla di stupore ondaccolo della luce ondaccolo respiro assente ondaccolo dei vini bastione bastione intorpidito stratagemmi bellici forze cosmiche ai piedi del divino l’ultimo anelito cedere viaggiatori stanchi cavaliere errante assedio pittoresco tre parole unità intera umanità intera essere l’essente in sé vissuto dialettica degli opposti dialettica etimologica punto d’armonia punto d’assoluto punto d’armonia assoluto verbo apparenza verbo si arresta in manifestazione verbo si arresta innanzi il tuo apparire furiosa estasi del ricordo sezione aurea centro scindibile spasimi incessanti clorofilla nelle vene foglie incaute anguste intromissioni tra vero e silente genesi effimera genesi del volto sguardo intermittente 4 settembre candidi pensieri impuri ossimorica dialettica dialettica scarna sublimata muovere le mani estroverse smarrite questioni dialettiche nilo trasmigrare stige nubiloso nubiloso stige acheronte lacci del mantello alambicco stato chimico status piazza incauta incauto mistero piazza incauta del mistero costellazione col tuo nome mercurio hermes ermes cassiopea protocollo di bisanzio terre indoeuropee tabernacolo tabernacolo mondo cartina tundra sterminata mare nostrum mar baltico achille pelide beowulf pietra mistica condottieri maghi marchingegno divino timido bardo annova nove gradi pianeta ascendente liocorno sospiro assoluto sospiro d’assoluto punto indivisibile eterno assoluto mutevolezza dialettica respiro soffice fedeli d’amore stasi mistica contemplazione amplettica amplettica divino delle cose divino nelle cose trinità duale

permalink | inviato da Dichter il 12/8/2015 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 agosto 2015

Fuga

           

Prendiamoci per mano
e chiudendo gli occhi navighiamo
traversando correnti di mari lontani,
ed anche se più tardi del previsto
al fine giungeremo sulle rive
calde del nostro mondo.

Poi, senza remissioni,
ascolterò parlare per davvero
il tuo candido cuore
che, anche se in silenzio,
mi saprà dire cose
che tu non hai mai detto.

E sarai già brilla,
le tue parole fuoco e argento,
sole e vento
dalle corde vocali.

E sarai ancora più bella,
il tuo vestito dalle bordature viola,
non ti sentirai sola.

Dalla sera alla mattina
non avremo più paura
ed il nostro spirito più vero
darà corpo al pensiero
che, brulicando tra le rovine,
sarà più libero di quanto credi,
urleremo sino a tardi.

E poi verrà la notte
e tu sfinita cadrai sul guanciale
con una forza animale.
Ed io cogliendo l'attimo
carezzerò la pelle,
soffici saranno le stelle
che dai tuoi fuochi accesi
cadranno più cortesi
sul mio braccialetto.

Illumineremo il cielo
con un arcobaleno di diamanti
dagli zigomi striscianti
che toglieranno il vero,
il buono e il giusto
dalla nostra mente,
zigomi di serpente.

E, come dei bohemiens,
non ci cureremo del passato
o del futuro,
vivremo coscienti
solo di essere noi stessi.

Ma non sarà poi il giorno a svegliarci
col suo soffice e sottile filtro di luce,
sarà un repentino mutamento
della temperatura del nostro corpo.
Saremo ancora mano nella mano
e i baci, baci, baci
investiranno il corpo
come sopra come sotto.
Però la nostra forza tremante
cadrà sconfitta a terra.

Il circolo ondulatorio della testa
intorno ad un oggetto fisso,
che poi è lo stesso,
ci renderà più lenti
nei movimenti.
Il flusso di ricordi
sarà annebbiato da dimenticanze
a vivide alternanze.
Le nostre ali spezzate
saranno rinnegate
dagli altri
ma risorgeranno dal nulla.

E la fonte blu cobalto
stenderà sul tuo smalto
uno strano desiderio.

4 agosto 2015

Pupilla inaudita

 

Pupilla inaudita e inenarrabile, matrice del misterico stesso tuo intrinseco astratto e etereo impronunciabile fattore, sguardo inebriante della pace universale, scaglione inesperto e tutto ardito, io fisso quel punto mentre assisa somma sei il rimasuglio floreale dell'essenza infinitesima che trae splendore dall' infinitamente piccolo che d'energia raccoglie in madornale concentrazione tutto l'intellegibile che scopro non più indivisibile ma percezione vaga della rissosa natura che parla a tratti come consumata dall'emissione del tuo fiato.

Chi sei tu piccola anima che tanto gaudio non disdegno ma da sapore d'assoluto assurgo a mantice prolisso di ciò che solo accennato dipinse il relitto umano nel momento stesso in cui pietoso volse il suo pennello all'incanto astratto decadente dell'immenso?

Par sì crudele e di oscuro salice trafitta, ma il Dark alla Desdemona trasmuta e trasuda pallade del religioso silente armeggio sapiente e mancino quando d'artemidea amazzone trafigge il dardo con sì splendore e noncuranza che l'ago nella vena dal pagliaio è pacifista assassino della belligerante resa, guerra finita e diplomazia discesa tra saporite mandorle, foglie di assenzio, caduca spina nella rosa inversa.

E come d'equatore mancante il tropico dall'eros delirante vola come spasmo e trasla e parla d'incantevole fattura come respiro trafiggente del sospiro dicente all'entusiasmo, muta aspetto e scindi il desio dall'entroterra sublunare di ciò che uman ragione tace.

Senza costrizione, misericordioso guardo femmineo, soggioga belve, bestie ed anime animali nel momento panpsichista di inutile lamento è la mia voce quando avverto, mentre scrivo, il melodioso passo del tuo immane pronunciar l'eterno, chiudo gli occhi come svenendo di vertigo istanza tra legge e guaritrice affanno la sintesi graziosa del male e del bene come d'angelo caduto riscattato dalla stagion divina concupita e sognatrice senza più ricordo all'aurora dell'ultima notturna vision leziosa e tutto l'universo tra foglie novembrine, maggio, ciliege fragori lampi dicembrini, neve in febbraio e sonando d'acume di notte in mezza estate sera di luglio quando il tramonto mostra la frescura d'amor, volume sustanziale ed accidente non pensabile e più guardo qull'apparenza più non respiro come dardo che stordisce nel momento della pugna ma l'assopirsi non volea acchè per sempre perfetto possa percepire.

Vorrei davvero, genti mie, che poteste capir ciò ch'io guardando e stupendo mutande essenze di dodici note e dodici colori e dodici parole e numeri a tal stessa guisa.

O me stesso misero fammi esporre solo un istante lo iato circoscritto e circospetto alfin che capisca ciò che il mistico saluto rende cenno concreto e viceversa.

E l'ultimo attimo, come fosse il primo o addirittura passato o maravigliosamente mai sentito, è vittima d'allucinata immaginazione.

sfoglia
luglio        settembre