Blog: http://dichter.ilcannocchiale.it

Il respiro del tuo viso

           

Il respiro

del tuo viso

l’ultimo orizzonte

dalla sabbia scosso

nel silenzio

che alberga muto

in me,

oramai non c’è

che l’illusione,

quella croce

rosea

del cuor

deluso

dal peregrinare

stanco

tra note d’assenzio

come tra me e te.

 

Silenzio.

 

Ed il respiro aumenta,

tenebra sull’asfalto

è il mio sogno

che scarno

svilisce in sé

solo per

contemplare

l’immagine riflessa

di te immobile

alla parete

deserta

e tantrica

inversa

muro d’oblio

 

e sei tu già qui

attesa amica,

sai ciò che non dici

perché nel vuoto

dell’esistenza l’ultima trama

è la mia.

 

E tu sorridi

terribile

la mia delusione

nel vedere

l’ombra tua

che si allontana

e tenebra ancora

è ora in me.

 

Quando allegra dici

senza parole o pronuncia

che

sono al di là

della comprensione

e per ciò stesso

steso,

chiaro, evidente

al di là

del piacere

è la mia apparenza

come ostacolo

inutile,

inciampo,

voce sorda

e naufrago

 

al tuo sorriso,

inutile

sono frastuono

fastidioso

 

ma tu sei lì

anche senza me

docetica

come mandorla

dischiusa

 

sei perfetta.

Pubblicato il 2/1/2016 alle 20.6 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web